About me
Guestbook
Games
Focus
Parlando
Contatti
   
Google
PILGRIN OF THE ABSOLUTE- Transated by C:McCormick
How is beautiful
to be without any help
wandering with my mind
in the endless cosmos.
I'm a beggar of grace,
of absolute truth,
looking for God
the only ONE and TRIO.
At the last winning point
a price is awaiting for me
of spirituyal peace
in the eternal rest.
 
METAMORPHOSIS- Translated by C. MecCormick
It's dawn when
at the newq day,
the first light appears
the time before
the rising time.
It's night when
can be seen shining
the first star in the sky
of the enchanting firmament.
It's spring when
you can see on the almonds,
the first multicoloured flower blossoming
and the violet, among the hedges,
opens its petals
and around it
ùyou pleasantly smell
that soft scent.
It's a true great love when
it is born at first sight
and spontaneous them both by
is the rush of their embrace
and their lips search each other
for the first kiss
of the new lovers.
 
THE VORACIOUS TIME- Transated by C. McCormick
The time devours the years
like the wind
that clouds and leaves
desperses in the air
and instants of joy,
hopes and dreams
ended for ever.
 
THE FLEETING TIME- Translated by C. McCormick
The present is already past,
tomorrow is already today,
that added to yesterday
is the course of the life
in the ineluctability
of fleeting time,
in the endless space
there is really for all
very little time
from dawn till sunset
is already night.
 
CARESS ME- Translated by C: McCormick
Caress me, please
and I'm happy,
only a caress
and you take my heart.
Caress me, please,
my darling!
For me, it's a sole reason
to be blessed in paradise.
But what does it cost you
to caress me only once?
And I adore you
from here to eternity.
 
SILENCE - Translated by C. McCormick
Oh! Silence of the grave
that poor remains preserve.
Oh! Silence of thick woods
on the sleep slopes
of the high mountain.
Oh! Silence of the skies
studded with stars
in the shining cosmos,
you are precious time
for a humble prayer
directed to God
for the remission of pities
because with grace,
He restores my soul.
Oh! My God! Make me a present
of your forgiveness
before that time, my DEAD sister
will take me with her,
to lead me serenely
to the eternal life.
 
JUNE THE 28th-
 
THE WAY TO THE GOLGOTA. Tanslated by C. McCormick
The way for the Golgota
is rough and tiring
for the stones and holes,
many times you'llk fall
and gashesopen
in your exhausted body
with blood gushing
from your wounds.
Lacerating pains
will accompany you
tillò on the hilltop
dominating the valley.
at the end of the Calvary
for the crucifixion
the cross is already prepared
where you'll exhale
the last breath.
for all your life
you've had to eat
the raw and bitter morsels
as a frugal meal
of the last supper.
Lastly you'll be able,
as the last prize,
to obtain fer certain
the peace of your soul
and the eternal rest.
 
THE TWENTYEIGHTH OF JUNE.-Translated by C.MecCormick
Of my birthdays
there are seventy-seven,
the same are the rounds
covered by the Earth
around the great Sun.
If four are the seasons
of our life,
the first of those,
the fine spring,
I lived with great joy.
Very fine were also the summer
and the cool autumn,
and good is now the hope,
by God's grace,
to live with love
the next cold winter,
the last season
of our earthly life.
 
YOU ARE MY DESTINY. - Translated by C. McCormick
You are the light
that defeats the darkness.
You 're the tepid sun
that reddens the strawberries,
allows the peaches to bud,
matures the first cherries;
prelude to a hot summer
which opens hearts to lovers,
gives taste to forbidden fruits,
the sweet pleasure of life
limited in time
and in the space
that one wuold like never ended.
 
PORTRAIT OF MARIAGRAZIA.- Translated by C. McCormick
Like a siren of the sea
with fair complexion
and fine dark hair
to adorn her face,
this beautiful woman
of perfect figure,
with lines and curves
as drawn by an artist.
This graceful model
moved harmoniously
as if floating on waves
of a choppy sea.
Her deep blue eyes
glanced tenderly
at her Prince Charming
and together they went
to a nymph-like haven,
a dream-like haven
where their love was born.
the indomitable Adonis
could not evade
the siren song and love
which enthralled him.
 
TWILIGHT.- Translated by C. McCormick
Distant is the time
of the dawn of my life.
It was only yesterday
it seems, that my shadow
was so small.
Now I'm much nearer
to the twilight
and slowly venture
into the vast unknown
where there is no tomorrow.
 
FORGIVENESS.- tRANSLATED BY C. McCormick
Of unappealable verdict
you mustn't condemn who
by God's will,
life was begot,
shose D.N.A.,
you are proud to have
the genetic inheritance.
Everyone may make a mistake,
it's human,
but with wisdom
on the right road
it's a duty to return to.
All people make vows
to change their courses;
and prudent will be
someone else's forgiveness.
 
CLOUD.- Translated by C: McCormick
It feeds on water vapor
that foams in the air.
Set between Sun and Earth
it shades the ground
and them dissolvesa
or as hail,
snow or rain
it falls to the ground
and in rivulets it accumulates
and gets into lakes...
moving along as an emissary
it flows toward the sea
that welcomes it to its breast.
 
THE DYING DAY.- Translated by C. McCormick
Soon it's evening
with the first star
quivering in the sky,
on the westerly horizon
after the last ray
of the4 falling Sun.
The enchanted red
is spreading at the vespeers
in the clear sky
while the day is dying
wrapped by think darkness
in the lap of night.
 
POOR HUMAN REMAINS.- Translated by C: McCormick
Bare bones of flesh
that in past times
shaped the human figures.
Poor remains
that gelid earth
consumtion refuses,
like cuttlebones
the sea rejects
and lays them on the shore.
The tyrannicol tima
soakc the yelloed leaves
and wipes out every life.
 
THOUGHT.- Translated by C:McCormick
Winged thoughts
of veiled lines
written in the night
with the tip of a pen,
by a mature man
who in humble manner
at eveng fall
on the cshore
picks up grains of sand
a strong wind
dispersesinto the air.
 
APRILIA.- Translated by C.McCormick
Aprilia! Aprilia!
How kind you are to your chindren!
Industrious town which rises midway
between the Lepini mauntains and the sea
and spreads out to the fertile lowlands
where once were unwholesome marshes
trampled only by herdsmen
on horsebach and by cattle,
which grazed in green fields
enveloped swarms
of ravenous mosquitoes.
Thedre, now grow luxuriant vines
and nature in regal robes,
like a young Queen,
offers each visitor its love.
 
SPRING IN TEANO.- Translated by C. McCormick
On the rounded hill,
enclosed by ancient walls,
the imposing Teano rises
and down, all around,
in the green valley
of the large rainbow,
there's richness of colors.
In the sunny air one notices
the soft scent
of the beautiful season.
In the sunny sky
the swallows loop,
the blackbirds and sparrows
joyfully twitter
the most famous notes
of the fleeting youth,
always blossoms a flower
at the early spring
of a great love.
How nice to live here
and by love one feeds oneself
in the fine age,
picking a flower
at its maximum splendour.
What you leave
of a wealth, not picked;
then its great value
is worth nothing.
 
SAN DONATO MY VILLAGE.- Translated by C. McCormick
So much quiet at San Donato
in the green meadows
of the luxuriant plain.
There isn't ani
sound of voices
and still seems the life
in the four houses.
A big "Cross"
of the dying Christ
is in the village;
and there are strau dogs
searching for food
among the refuse.
In this dead nature
with sadness you spend
what still resists
of your life;
and with a serene heart
you patiently wait
for oblivion.
 

 
THE DARKNESS OF THE NIGHT.- Translated by C. McCormick
Not any glummer of night pierces
in the dense dark sky without moon.
Absent are the human voices
in the desert streets of the suburbs,
but you can hear the barks of dogs
looking for something to feed.
Spectral scenes of a horror film:
new cars reduced in scraps,
human bodies torn by deep wounds,
young dead lives on the asphalt
after a great buzz in the night.
 
INCOMPARABLE POEM.- Translated by C. McCormick
On the wings of the wind
in the verdant valley meadows,
with undefined features
and hair smudged
by dense pea-soup smog;
the nymphs would sing
about the joy of living,
then bewilldered by their lot
with eyes veiled with tears,
without any semblance of dancing
and guided by no glory
they sing in praise of love,
these old nymphs of Eden.
 
THE LIGHT.- Translated by C. McCormick
At the dawn of life
the day begins
with pains and joys
lasting 'til dusk
I've sailed in a tempest
with the sea at force ten,
on an old hulk
at the mercy of the waves,
withl, I reached port
calmly in sunshine.
By slow steps
in the dead ofnight,
I walked unstedily by candlelight
on impassablr paths
through unexplored lands,
along the brinks of precipices
and at the top of a thorny hill,
I was dazzled by the sun.
And as did the risen Christ,
I returned again to life.
 
EVENING.- Translated by C: McCormick
It's already evening...
Darker and darker
become the hours.
The night will be icy,
after the cold of the day,
but tomorrow and always
a new dawn will arise.
 
SOLITUDE.- translated by C: McCormick
THERE is much sadness in those
who, not by choice,
by themselves, wind up
the thread of life.
Fot them, it makes no sense
to redo all from the start;
few rows from the start;
few rows remain on the reel winder,
we're already at the end.
At the end of vesper
every one is alone
defeated by time, that changes to humus
the yellowing leaves
that every life extinnguishes.
 
THE GULF OF GAETA.- Translated by C.McCormick
In the Gulf there's an eternal sprigtime
of golden beaches and green hills,
there's very nice angle of sky
in a landscape rich with colors.
It's a vast horizon of pleasure:
Minturno, Scauri, Formia and Gaeta,
like an arch the coast stretches out
set in a splendid blue sea.
From the summit of Mount Altino,
one watches over the Gulf the Christ Redeemer
and in the open sea, like pearls
there's the heaven of Ponza and Ventotene.
He wished it were, that fair sight
between Rome and Naples could be affixed
by the great Manager of the Gulf of Gaeta
a better work of Art was never created.
 
SERENE SUNSET.- Translated by C. McCormick
I fear not the hours
that dissolve time:
the days, themonths, the years
which wrench my back,

WHEN IT IS NIGHT,

I'll discover the wrinnkles
that profoundly furrow
my lean face
and I'll break even
my real life story.
 
TRAGEDY- Translated by C. McCormick
It doesn't matter to know the truth
if what has been lost
never will be given back us,
like dry leaves pushed away
by the strong wind
never will return to the tree
which begot them,
like black clouds
pushed by the wind
bringing rainstorm
where before was shining
the Sun of the life.
 
A MANUELA TU MI MANCHI
Di fiore sei primula
che i petali apre
ai raggi del sole
nei giorni d'aprile.
Sei bocciol di rosa
nel mese mariano,
di quadro d'artista
sei il tocco di grazia.
Il cuor mio é regno
a cui manca regina,
un vuoto si avverte
per assenza d'amore.
Ti attendo giulivo
perché tu poss'amare,
ai cuori solitari
ritorni la felicità.
 
JUNE THE 28th Translated by C.McCormick
Of my birthdays
there are seventy seven,
the same are the rounds
covered by the Earth
around the great Sun.
If four are the seasons
of my life.
the first of those,
the fine spring.
I lived with great joy.
Very fine were also the summer
and the cool autumn
and good is now the hope,
by God's grace,
to live with love
the next cold winter,
the last season
of our earthly life.
 
Le parole della mia vita
GIOVANNI ROTUNNO
LE PAROLE DELLA MIA VITA
Prefazione di
MARIAGRAZIA ORLANDI


“LE PAROLE DELLA MIA VITA” di G. Rotunno
Supplemento periodico della testata
giornalistica Caserta24ore, mese di Marzo 2008.
Registrazione presso il tribunale
di S. Maria C.V. n. 628/26102004.
Direttore responsabile Paolo Mesolella,
Responsabile editoriale Gianluca Parisi.
Proprietà letteraria e diritti riservati
all’autore Giovanni Rotunno.
Edizione Marzo 2008
In copertina: Arte catalana a CARINOLA (CASERTA).
2
3
“Il pensiero non ha voce, ma è
l’espressione più genuina dell’animo umano.”
“Ai ragazzi di ogni dove
con amorevole comprensione
perché traggano motivi
per fare propri i valori etici della vita
e il rispetto per la natura.”
All’Aereonautica Militare di Latina
ove ho prestato la mia opera come Sottufficiale
per oltre 25 anni ricevendo una salda e corretta
formazione militare, civile e culturale.
ALLE A.C.L.I. PROVINCIALI DI LATINA e di FOR-
MIA cui devo la mia formazione cristiana e de-
mocratica come impegno sociale al servizio
dei lavoratori.
4
Prefazione di
Mariagrazia Orlandi
Di Giovanni Rotunno ho già avuto occasione di
scrivere e di parlare, avendo presentato il suo
primo volume “Pensieri”, ho già apprezzato la
personalità umano-poetica dell’Autore. E ades-
so, con piacevole sorpresa, di nuovo Giovanni
mi raggiunge mandandomi nuovi pensieri, nuo-
ve riflessioni–poesie, nelle quali ravviso una sin-
tesi uniforme. La presente raccolta è un piccolo
scrigno che racchiude le parole della sua vita;
un’opera, quindi, che si propone essa stessa in
ottica di completezza. In ciò colgo anche un’idea
di ricchezza, per temi ed elaborazioni, che, a
mio avviso, si accompagna ad una introspezione
intensa in cui vibrano la passione, la fede, la ter-
ritorialità, in un ritmo cadenzato, con un linguag-
gio ricco di metafore, nel quale c’è spazio anche
per arcane parole dal grande potere evocativo:
una sorta di firma, di dichiarazione di origine.
Il background di queste pagine è il tempo della
biografia dell’Autore, che si dipana nel Novecento
italiano, talora fiorito e sempre garbato, del Sud
del nostro Paese. Per ciò i componimenti si data-
no e si collocano geograficamente da soli: attra-
verso l’uso della parola, studiata, limata, amata,
quasi a ricordare il labor limae di catulliana me-
moria. Del resto, si esiste immaginando parole:
per comunicare agli altri, per pensare il nostro
mondo interiore, per far esistere la realtà; la
parola ha un grande potere, pertanto, merita
un grande rispetto.
Nello scrivere di Giovanni Rotunno, oggi più che
mai, noto l’interesse per ogni aspetto del vivere,
oltre ad un serio impegno per far conoscere agli
altri i suoi valori, le sue priorità.
Il desiderio di essere presente fra la gente con i
suoi scritti, indica la dimensione che, attualmen-
te, gli appartiene: un invito, rivolto a tutti, a fare
più attenzione, ad essere capaci di apprezzare il
tempo, che talora sembra eterno e talaltra pare
rubato, scomparso troppo presto in brevi attimi.
Ritengo che questo invito di Giovanni sia da rac-
cogliere ora più che mai, che contenga un’istan-
za propria di questo nostro mondo moderno, che
non ha più tempo per fare due chiacchiere con
gli amici, per fermarsi a guardare lo spettacolo
dei colori dell’autunno. In un mondo dove niente
ci sorprende, dove la meraviglia ci è stata tolta,
in fondo si sente forte il bisogno di ripensare la
vita, e i sentimenti che fanno la vita.
Così Giovanni con la sua fine gentilezza ci rag-
giunge e ci dice che si può ancora sperare, si
può ancora vivere una storia d’amore, una vita
fatta di persone.
In un mondo dove l’uomo si ritiene eterno, sa-
per riflettere, parlare di ciò che davvero conta,
di ciò che davvero è essenziale, è di grande uti-
lità. Nel presente viviamo con la memoria del
passato e la speranza del futuro; nel nostro cuo-
re e nel nostro corpo sperimentiamo ogni mo-
mento la fragilità del vivere.
Che cosa ci può salvare? Che cosa siamo? Che
cosa vogliamo? Dove stiamo andando?
Le risposte sono urgenti ed ogni stagione le de-
ve, di necessità, fare proprie.
Giovanni Rotunno ci porge le sue, unitamente
ai suoi interrogativi e alle sue repliche, ai suoi
pareri, alla sua esperienza, allo sviluppo della
sua riflessione. Grazie, Giovanni, per averci ri-
cordato che per ciascuno di noi il tempo finisce,
ma che il pensiero partecipa già un’altra dimen-
sione, quella che nei momenti più solenni è dato
solo di intuire e rispettare. In questo, forse, il
segreto della umana felicità.
5
6
Pensieri
Pensieri alati
di velate righe
scritti di notte
in punta di penna,
da uomo maturo
che in piena umiltà
al calare della sera
sulla riva del mare
raccoglie grani di sabbia
che il vento forte
nell’aria disperde.
7
8
A MARIAGRAZIA
Come sirena del mare,
di chiara carnagione,
di fine chioma bruna
ha il volto adorno.
Perfetto nelle forme
il bel corpicino è
con linee e curve
d’artista disegnato.
Il modello leggiadro
si muove con grazia
fluttuante sull’onde
del mare increspato.
Con gli occhi celesti
fece tenero sguardo
al Principe Azzurro
che seco portò
all’isola ninfale,
paradiso dei sogni
dove nacque l’amore.
L’adone indomito
eludere non potè
della sirena il canto
ed all’amor soggiacque.
9
A TE LUCIA
Senti Lucia, posso chiederti il piacere di conce-
dermi il permesso di dedicarti questa mattina
del 27 gennaio 2008, alle ore 07.00 circa un
mio pensiero?
Permesso accordato, Lucia mi risponde.
Premetto che ho grande stima e rispetto vero
ed assoluto per la tua persona.
Ascoltami Lucia…ti voglio un bene dell’anima,
soprattutto per quello che hai sofferto a causa
della lunga e grave malattia e poi la conse-
guente perdita del tuo carissimo Renzo, a cui,
personalmente, ho sempre avuto una amicizia
sincera.
Dedicarti questo mattutino pensiero alle primis-
sime luci dell’alba è per me anche un tormento-
ne essendo io preoccupato che questa mia uma-
na debolezza possa arrecare afflizione al tuo
Renzo, da me considerato come se fosse ancora
in vita, sebbene sono già trascorsi quattro anni
da quando ci è venuto a mancare. Comunque a
me sembra di commettere un vero tradimento
alla nostra comune amicizia.
Sono poi preoccupato di poter arrecare anche a
te un turbamento interiore come grave offesa ai
tuoi elevati umani sentimenti per la tua nobiltà
d’animo.
Anche a me, come tu ben sai, è capitato, per una
comune sorte del destino, il venirmi a mancare
l’anima gemella, alla quale ho dedicato tutto me
stesso per quasi mezzo secolo.
Accetta Lucia, ti prego, accetta questo mio pensie-
ro come fosse il sentimento più schietto, più puro
e più nobile dell’anima mia e non cercare in esso
null’altro che potrebbe trasparire tra le righe, co-
me si è solito dire.
Ti chiedo ancora, se vuoi e se puoi… fammi dono
delle tue ansie ed io sarò felice con immenso pia-
cere perché possa anch’io contribuire affinché
nel tuo spirito tanto provato regni sempre pace
e serenità. Questo, secondo me, è certamente
quello che anche vuole dall’altro mondo il tuo
carissimo Renzo.
Io la mia pace e serenità l’ho trovata perché la
vita continua per quello che ci è dato ancora di
viverla, senza porre limiti alla Divina Provviden-
za. Prima di ritornare in Versilia stavo in quel di
Napoli e ti confido, con assoluta sincerità che sta-
vo benissimo e nulla mi mancava, ma ho deciso
di ritornare qui dove ho lavorato per lunghissimi
anni della mia vita ed ho tantissimi amici.
Sono ritornato in Versilia anche per te, mia ado-
rata Lucia, tu sei costantemente nei miei pensieri
e termino ripetendoti come ho detto all’inizio:
Lucia, ti prego…. ascoltami… ti voglio un bene
dell’anima. Ciao LUCIA!
Ascolta Flavio, Lucia ha detto: ti ringrazio per il
gentile pensiero che hai voluto dedicarmi, ac-
cetto di buon grado la tua amicizia, come è stata
sin qui, sempre nella grande stima e rispetto re-
ciproco. Che la nostra sincera amicizia ci accom-
pagni sempre nella nostra vita e oltre con l’au-
spicio che il nuovo giorno sia portatore di pace e
serenità a noi e a tutte le persone di buona volon-
tà. Ciao Flavio!

10
LUCIA
è trascorso molto tempo da quando ci siamo sen-
titi l’ultima volta prima che tu partissi per una bre-
ve vacanza. Ricordo che erano le dieci di sera di
una notte di plenilunio dello scorso mese di feb-
braio. Ero appena ritornato da una cena con gli
amici quando forte sentii il desiderio di ascoltare
la tua voce attraverso il cellulare ed anche per
augurarti una notte serena come sono solito fare
ogni tanto per sentirci vivi e vicini.
Ti penso sempre, mia adorata Lucia, vivo questa
mia solitudine con il pensiero sempre a te rivolto.
La notte riposo tranquillo e spesso un sogno ri-
corrente riempie i miei sonni. Si, un sogno che
facevo spesse notti, ricordo bene, quando ero fan-
ciullo: - Mi riscoprivo un angelo che volavo diretto
nel cosmo senza fine.
Portavo con me un cesto di fili d’oro dove ponevo
le stelle che ad una ad una coglievo per portarle
a te deponendole ai tuoi piedi e uno splendore il-
luminava di un'aurea luce tutta la tua persona so-
spesa sopra di esse.
I miei occhi restavano estasiati a quella sublime
visione, molto difficile a trovare le parole per po-
terla meglio descrivere. Ora potrei soltanto dire,
con molta umiltà: quella visione fu la più bella
rappresentazione del DIVINO AMORE.
BUONA NOTTE LUCIA,
CIAO FLAVIO
11
A SILVIA...CANZONE D’AMORE
Canto per Te
la mia canzon d’amore,
i pensieri più belli
scritti solo per te.
Le note del piano
sono quelle del cuore
la cui melodia
la dedico a te.
Sono pazzo d’amore
amo solo te,
non desidero altro
tu sei tutto per me.
Sono sogni d’amore
desiderio di te,
che grande tesoro
sei tutto per me.
Che amore sublime
il fato mi dona,
il cuore è felice,
che gioia cè in me.
Sono pazzo d’amore
amo solo te,
non desidero altro
tu sei tutto per me.
12
IL TEMPO
Vorrei che tu spiegassi,
maestro della vita,
che cosa il tempo è?.
Il saggio cosi’ disse:
“io so che il tempo è
fatto di tre stagioni:
dall’alba della vita
fin qui ove s’è giunti
e’ tutto già passato;
l’attimo fuggente
è la stagion presente,
tempo che vola via
in men che non si dica.
D’incerta previsione
non resta che il futuro
l’ultima stagione
il fato in serbo ha”.
13
INSTANCABILE MENDICO
Come “pilgrim” vagante*
vo per ignote terre
in cerca di trovare
la pace dello spirito,
tesoro ben celato
in vergine natura
di divin paesaggio
in perduto paradiso.
Mendico di mestiere,
di umani valori,
dall’alba incipiente
fino al dì che muore
in sterile ricerca
su questa vecchia Terra
piena di gran tormenti
spoglia di virtù,
vera pace più non c’è.
* pellegrino
CREPUSCOLO
E’ gia lontano il tempo
dell’alba di mia vita.
Sembra soltanto ieri
quando l’ombra mia
era così piccina.
Ora son più vicino
al calar della sera
e lentamente vado
verso l’immenso ignoto
dove non c’è domani.
14
NUVOLA
D’acqueo vapor si nutre
e nell’aria spumeggia.
Posta tra Sole e Terra
fa ombra al suolo
e poi si dissolve:
come grandine
neve o pioggia
sulla terra cade
e in rii si raccoglie
affluendo ai fiumi,
nei laghi s’immette
uscendone emissario
scorre verso il mare
che nel suo sen l’accoglie.
AMARO IN BOCCA
Quante pene dell’anima
il pover’uomo deve subire
e quanti bocconi amari
deve ingoiare senza mostrare
sofferenza alcuna.
Caro si paga il prezzo
per gli umori repressi,
né si grida vendetta
per i torti subiti
dalla gente infame
che soddisfatta gode
delle altrui sventure.
Che Iddio perdoni
anche i carnefici,
ma faccia che siano
un po’ meno crudeli
verso i più derelitti.
15
TRAGEDIA
Non importa sapere
se ciò che c’è stato tolto
non ci verrà più ridato;
è come foglie secche
sospinte dal vento
più non tornano
all’albero che le generò,
è come le nuvole
spinte via dal vento
portano tempesta
dove prima splendeva
il sole della vita.
TEMPO VORACE
Tempo che gli anni divora
come il vento
che nuvole e foglie
nell’aria disperde
e attimi di gioia,
speranze e sogni
di albe radiose
per sempre svaniti
16
SILENZIO
Oh! Silenzio di tomba,
che miseri resti conserva,
oh! Silenzio di fitti boschi
sui pendii scoscesi
degli alti monti,
oh! Silenzio dei cieli
trapunti di stelle
nel cosmo fulgente
sei tempo pregiato
a Dio rivolto
per la remissione
dei peccati di pensiero
di parola, di opere
e di omissione,
perché di grazia ristori
l’anima mia.
Oh! mio Dio,
fammi dono
del tuo perdono
ancor pria
che Sorella Morte
mi prenda con se
per condurmi sereno
alla vita eterna.
17
GIORNO CHE MUORE
Ed è subito sera
con la prima stella
che palpita in cielo
sul ponente orizzonte
dopo l’ultimo raggio
del sole calante.
Il rosso incantato
si dilaga al vespro
nel limpido cielo
mentre il giorno muore
nel grembo della notte.
MISERI RESTI UMANI
Ossa spoglie di carne viva
che in tempi passati
forme umane modellava.
Miseri resti
che gelida terra
consumo rifiuta,
come ossi di seppia
che il mare rigetta
e sulla riva depone.
Il tempo tiranno
macera le foglie ingiallite
e ogni vita cancella.
18
NOTTURNE TENEBRE
Nessun barlume di luce penetra
nel fitto buio di cielo illune.*
Assenti sono le umane voci
nelle strade deserte dei sobborghi,
ma si ode il latrare dei cani
in cerca di qualcosa da cibare.
Scene spettrali di film dell’orrore:
auto nuove ridotte in rottami,
corpi straziati da ferite gravi,
giovani vite spente sull’asfalto
dopo un grande sballo nella notte.
* illune – senza luna
PERDONO
D’inappellabile sentenza
non si condanna chi,
per Dio volontà,
vita trasmise,
del cui D.N.A.
fiero tu porti
l’eredità genetica.
Ognuno può sbagliare
ed è umano,
ma con saggezza
sulla retta via
è d’obbligo tornare.
Tutti fan voto di cambiare rotta
e provvido sarà
l’altrui perdono.
19
2 NOVEMBRE
Un requiem per i morti
che un tempo erano vivi
in carne ed ossa.
Ora giacciono distesi
con le mani ai fianchi
e gli occhi spenti,
interrati in lignee bare
o ben murati
in loculi marmorei,
riposano in pace
il sonno della lunga notte
che alba più non vedrà.
Cipressi sempre verdi
e fiori variopinti
ai lati dei viali,
con lumi accesi,
che luce fan di notte
alla città dei fu,
nel central parco
della pace eterna.
Che tristezza ti prende
in questo sacro loco,
che silenzio di tomba
nell’aria greve ti conquide,
ma fuor di qui,
esiste ancora il mondo
per quelli che verranno,
ma per ognun che muore
finisce il mondo.
20
ANDIAMO
Andiamo! Su andiamo!
E’ ora di migrare,
il tempo della vita
è quasi già finito
ed il treno per l’Eden,
in attesa del verde
in linea sul binario
è pronto a partire
per l’ultimo viaggio.
Le carrozze sono piene
di donne d’ogni età,
d’uomini adulti e vecchi,
benestanti e poveri,
giovani d’ambo sessi
nel fior di gioventù
e boccioli di pargoli
gli angeli del cielo.
Tutti son gioiosi
felici di passare
a miglior vita
nell’eterna luce
del gran Fattore.
Andiamo! Su andiamo
con sorella MORTE
alla vita eterna
e scambiando parola
si dicono l’un l’altro:
“teniamoci per mano
lievi come rondini
nel cielo senza fine,
andiamo! Su andiamo!
E’ ora di migrare”.
21
METAMORFOSI
E’ l’alba…
quando del nuovo dì
la prima luce appare,
il tempo che precede
il sorgere del sole.
E’ notte…
quando nel ciel brillare
vedi la prima stella
del magico firmamento.
E’ primavera…
quando sul mandorlo sboccia
il primo fiore variopinto
e la mammola, fra le siepi,
apre gli azzurri petali
e intorno spande
un profumo delicato.
E’ vero grande amore…
quando nasce a prima vista
e spontaneo è di entrambi
lo slancio dell’abbraccio
e di essi le labbra si cercano
per il primo bacio
dei novelli amanti.
22
SPASMODICA ATTESA
Sono molto stanco
sfinito d’attendere
del calvario la fine
di sì lunga Via Crucis.
Dalla sporta dei doni
traggo fetta di pane
che con spirito pio
un pezzetto ne mangio
perché fame si plaghi.
Ciò che resta ripongo
nel sacco a tracolla
che con cura mi porto
all’ultima dimora
a perpetuo ricordo
della umana pietà.
23
TEMPO FUGACE
Il presente è già passato,
domani è già oggi,
che sommato a ieri
fa il corso della vita
nella ineluttabilità
del tempo che fugge.
Nello spazio infinito
c’è davvero per tutti
pochissimo tempo
dall’alba al tramonto
e all’ultimo raggio di sole
è già notte fonda.
24
ANNI VERDI
18 anni, il fausto giorno
da non dimenticare.
18 anni, che ambito traguardo
aver raggiunto la maggiore età.
Ma cosa c’è nell’aria,
che mi commuove
come un suono d’organo?
Note che non sai
da dove sorgono
e sono l’inno della primavera.
18 anni è tutto, perché è l’inizio…
della stagion più bella della vita.
Quante speranze, quanti sogni…..
che bello se diverranno realtà
tutti i sogni miei?
Che bello vedere le rondini,
che volano gaiamente
nel cielo azzurro a primavera!
Che bello il canto degli uccelli
e la vita che si rinnova
al nuovo sole!
Che bello vedere
queste tavole imbandite;
nell’aria già si sente
il profumo di pietanze succulenti
per le quali gl’ ospiti graditi,
giovani per lo più,
l’ora di gustare attendono,
presi da incontenibili appetiti:
d’amor più che di fame,
perché l’amore a 18 anni
è vero grande amore.
Per Te, …………………
che questa data
oggi festeggi,
gli amici tuoi fan voti:
per tutto il tuo avvenire,
ci sia sempre il buon sapore
della più bella stagione della vita.
Così come è oggi, per te sempre sia
eterna giovinezza,
che non debba mai finire.
25
A SARA
un dipinto d’autore
l’insigne immagine
d’APRILIA è simbolo
fiore di bella età
raccoglie simpatia
da chi i suoi occhi mira
Di bionda aurea chioma
s’adorna il bel volto,
di fascino abbonda
puo sedurre il mondo.
Felice colui sarà
chi il suo cuor conquide,
perderla mai vorrà
perchè di meglio non cè
26
27
28 GIUGNO 2007
Dei miei natali
ne conto settesette*
tali sono i giri
percorsi dalla terra
al gran Sole intorno.
Se quattro della vita
sono le stagioni:
la prima delle quali
la bella primavera
con gioia l’ho vissuta.
Bella anche l’estate
ed il fresco autunno
e buona è la speme
con di Dio la grazia,
vivere con amore
il più freddo inverno,
che di vita terrena
è l’ultima stagione.
*Settantasette
“Permettetemi Padre,
Prima di partir da qui,
dove sangue d’un uomo sparsi
per le mortal ferite,
la cui famiglia lascio
crudelmente offesa,
ch’io la ristori almeno
con il sincero pentimento
e mostri il mio rammarico
per non poter il danno risarcire.
Ora mi resta solo un gran desio:
chiedere il perdono
al fratello dell’ucciso,
con del buon Dio l’aiuto,
che dall’animo gli levi
il rancor giustificato”.
Al Padre guardiano parve
che un simil gesto
oltre all’esser buono
a molto servirebbe anche al convento
e così al novizio rispose:
“Andrò da quel Signore,
fratello dell’ucciso,
ad esporgli il tuo desio”.
Questi la richiesta accettò,
dopo aver pensato un pò
e l’ora stabilì per quell’incontro.
Con gli occhi bassi
il mesto Fra Cristoforo
con il Padre guardiano al fianco,
di quella grande casa
la porta a lor s’ aprì
e tra una folla curiosa
le scale salirono
e poi altra folla signorile
che ala a lor degnavano
prima d’esser giunti
alla presenza del Padron di casa
che ai lati ben disposti aveva
i suoi più prossimi parenti.
Ritto, al centro della sala,
era il fratello dell’ucciso
che con la sinistra mano stretto tenea
il pomo della spada,
e quando Fra Cristoforo
era poco da lui distante
il passo affrettò
e in ginocchio ai suoi piedi si pose,
con le mani sul petto incrociate
e a testa bassa disse:
“Mio Signore, di vostro fratello,
io sono l’omicida
e Dio solo sa se restituirglielo vorrei
a costo del mio sangue,
ma so bene, che a nulla servirebbe
e solo posso farvi inefficaci scuse,
IL PERDONO A FRA CRISTOFORO
(Dai Promessi sposi di A: Manzoni)
Commento di Giovanni Rotunno
28
e supplico Vostra Signoria
che l’accettiate solo per amor di Dio”.
“Alzatevi” allora gli disse il gentiluomo:
“per il rispetto del saio che indossate
e per Voi pure, che con umiltà
il perdono mi chiedete,
io ve lo concedo anche per amor di Dio”.
“Perdono! Oh! Udir da Vostra viva voce
sì nobil parola, tanto meno è
il soffrir per l’alma mia”.
“Perdono?” Ripetè il gentiluomo,
“Voi non ne avete più bisogno”.
“Bravo! Bene!”
S’udì da ogni parte della sala
e poi ebbe inizio la festa del perdono,
con gran copia di rinfreschi
e tant’altro ancora.
Il gentiluomo con al suo fianco il frate,
che segni faceva per potersi licenziare,
ma dal Padron di casa
con garbo gli fu chiesto:
“Padre, gradisca qualcosa,
dandomi si la prova della sua amicizia,
per la quale, d’ora in poi ci tengo molto”.
Con tanta mestizia Fra Cristoforo rispose:
“ Vostra Signoria, io per voto preso,
di queste cose ne ho fatto gran rinuncia,
ma mai sarà ch’io possa rifiutare
i vostri doni, vogliate così
farmi degno di aver del pane,
perch’ io possa dirvi d’aver goduto,
di vostra carità, come segno del perdono”.
Subito un cameriere in gran gala,
su un piatto d’argento un pane gli porse.
Il Frate con umiltà lo prese
e nella sua sporta lo pose
e chiese licenza di poter andare.
Potè infine abbracciare il gentiluomo
ed altri che gli erano vicino, indi andò via
diretto verso il luogo del novizio
e all’ora del ristoro mangio di quel pane
e a futura memoria, un pezzo ne serbò
per non dimenticare...il pane del perdono.
29
30
IL PERDONO A FRA CRISTOFORO
(Dai Promessi sposi di A: Manzoni)
Commento di Giovanni Rotunno
“Permettetemi Padre, prima di partir da qui, dove
sangue di un uomo sparsi per le mortali ferite, la
cui famiglia lascio crudelmente offesa, ch’io la ri-
stori almeno con il sincero e sentito pentimento e
mostri ai parenti dell’ucciso il mio rammarico per
non potere il danno risarcire. Ora mi resta un solo
desio: chiedere il perdono all’unico suo fratello con
del gran Dio l’aiuto, che dall’animo gli levi il ran-
core verso di me, pienamente giustificato”.
Al Padre guardiano parve che un simil gesto, oltre
ad essere buono, a molto avrebbe servito anche
al convento dei Frati Cappuccini e così rispose a
Fra Cristoforo : “Andrò da quel signore, fratello
dell’ucciso, ad esporgli il tuo desio”. Questi accettò
dopo aver pensato un po’, stabilendo anche l’ora
dell’incontro nella sua grande dimora.
Con gli occhi bassi, il mesto Fra Cristoforo, con il
Padre guardiano al fianco, di quella grande casa
la porta si aprì e tra una folla curiosa salirono le
scale e poi altra folla signorile che ala a loro de-
gnavano prima di giungere alla presenza del Pa-
dron di casa che ai suoi lati ben disposti aveva i
parenti più stretti.
Ritto al centro della casa era il fratello dell’ucciso
e con la sinistra mano stretto teneva il pomo della
spada, e quando Fra Cristoforo era poco da lui di-
stante affrettò il passo e in ginocchio si pose con
le mani sul petto incrociate e a testa bassa disse:
“Mio Signore, di Vostro fratello io sono l’omicida,
e Dio solo sa se restituirglielo vorrei a costo del
mio sangue, ma so bene che a nulla servirebbe
il mio sacrificio, ma solo posso farvi tarde ed inef-
ficaci scuse, e supplico Vostra Signoria che voglia-
te accettarle solo per amor di Dio”.
“Alzatevi”, gli disse il gentiluomo: “per il rispetto
del saio che portate e per voi pure, che con umil-
tà il perdono mi chiedete, io ve lo concedo anche
per amor di Dio”.
“Perdono! Oh! Udir da vostra viva voce si nobil
parola, tanto meno è il soffrir per l’anima mia”.
“Perdono?” ripetè il gentiluomo, “Voi non ne ave-
te più bisogno”.
“Bravo! Bene!” S’udì da ogni parte della sala e
poi ebbe inizio la festa del perdono con gran co-
pia di rinfreschi e tant’altro ancora.
Il gentiluomo con al suo fianco il frate, che segni
faceva per potersi licenziare, ma dal Padron di
casa con garbo gli fu chiesto: “Padre, gradisca
qualcosa, dandomi sì la prova della sua amicizia,
per la quale, d’ora in poi io ci tengo molto”.
Con tanta mestizia Fra Cristo foro rispose:
“Vostra Signoria, io per voto preso, di queste co-
se ne ho fatto gran rinuncia, ma mai sarà ch’io
possa rifiutare i vostri doni, vogliate farmi degno
di aver del pane perch’io possa dire di aver godu-
to di Vostra carità,” come segno del perdono”.
Subito un cameriere in gran gala, su un piatto
d’argento un pane gli porse. Il Frate con umiltà lo
prese e nella sua sporta lo pose e chiese licenza
di andare: Potè infine abbracciare il Gentiluomo
ed altri che gli erano vicino, indi andò via diretto
per il luogo del novizio e all’ora del ristoro mangiò
di quel pane e a futura memoria un pezzo ne ser-
bò, per non dimenticare… il pane del perdono.
PSEZIONE PRIMA
Poesia dei luoghi
31
LATINA
Latina fior di città,
d’origine Littoria,
sorta negli anni trenta
dopo la bonifica
dei pontini campi
sommersi da palude
mai prima prosciugata.
Al grand’onor del vero
nacque e fu gran festa,
di buon’auspicio le fu
la gioia d’esser sorta
dal grembo della terra.
Con gentil forme crebbe
intorno circondata
da fiorenti borghi,
dai Lepini Monti
fino alla marina,
or quasi inglobanti
dall’espandersi certo
ad essa tutt’intorno.
Latina prosperosa
vai su alla grande!
Sii di buona sorte
a tutti i figli tuoi,
dai ad ognun di loro
certezza del domani.
PRIMAVERA SULLA PIANA
DI LATINA
Oh, nuvolette bianche!
In ciel sospese
come pecore vaganti
in grande prato verde.
Oh, nuovolette bianche!
Sospinte dal vento
per maculare l’infinito blu
del cielo senza fine
e spandere a tratti leggere ombre
qui e là sulla piana
tra i Lepini monti e la marina
per offrire all’aria
il sapor di primavera
con il suo clima mite
rondini attraggono
in coppie bene unite
a costruire nidi
sotto le grondaie
per dare tetto a nuove vite.
Intorno si vedono
mandorli in fiore
e mammole fra le siepi
che impregnano l’aria
con soavi profumi
questa stagione vita rinnova.
32
GAETA
Che dire di Gaeta
del paradiso il loco
godere di quel sole
della terra il calore
e del mare la brezza,
dei scogli il profumo
e della buona cucina
i sapori del mare
che la gola s’attende
leccornie del palato.
Spaghetti alle vongole,
poi frittura mista
del golfo la pescata,
con verde insalata
al rosso pomodoro
prelibato contorno
per bocconi piccanti.
Vino bianco o rosso
per tutte le portate
da Vito “La Lampara”,
Lungomare Gaboto
di fronte al bel Golfo
e poi vien da dire
di gola è peccato
con la grande goduria
del più fine palato.
GOLFO DI GAETA
Nel golfo c’è l’eterna primavera
di aurei lidi e di verdi colli,
c’è il più bell’angolo di cielo
in un paesaggio ricco di colori.
E’ un orizzonte vasto di piacere:
Minturno, Scauri, Formia e Gaeta,
ad arco si protende la riviera
incorniciata da un bel mare blu.
Dalla vetta di Monte Altino
veglia sul Golfo il Cristo Redentore
e a largo, come perle del Tirreno
c’è il paradiso di Ponza e Ventotene.
Volle così che fosse il belvedere
che tra l’Urbe e Napoli fissò
il gran Fattor del Golfo di Gaeta
e migliore opera d’Arte non creò.
33
A P R I L I A
Aprilia! Aprilia!
Quanto sei cara ai figli tuoi!
Operosa città, che sorge
al centro tra i Lepini monti e il mare
e ti distendi in fertile pianura
ove c’era palude malsana
calpestata solo
da butteri a cavallo e da bovini,
che in erbosi campi pascolavano
avvolti da sciami
di fameliche zanzare.
Là, ora vi cresce rigogliosa vite
e la natura in abiti regali,
come giovane regina,
al visitator si offre con amore.
34
N O R M A
Sul più verde dei colli
a lambire il cielo
è la città di NORMA
che sovrana s’erige
sul più alto pendio
dei Monti Lepini.
La sagra del colore
da lassù si ammira
l’agro pontino e mare
del lido di LATINA.
Mista è la coltura
della vasta piana
che fa della veduta
stupendo panorama.
Dal versante opposto
spicca il SEMPREVISA
che annuncia il freddo
se s’imbianca la cima.
35
BASSIANO
Sulla vetta del colle
si erge Bassiano
ammantata di verde
tra i monti Lepini.
Panorami d’incanto
s’ammirano intorno,
frescura in estate
per godersi la vita.
Che dire del prosciutto
di gola il peccato
dal sapore squisito
leccornia del palato?
MA QUANT’E’ BONO!
Dell’altro puoi godere
in questa cittadina
c’è tanta brava gente
che ti mostra simpatia.
36
DOGANELLA
(Villa Margherita)
In ninfea contrada
c’è ‘na stupenda villa
ricca di tanto verde
e d’acqua di sorgiva
E’ veramente bello
oltrepassare l’arco
per tornare al nido,
meta di grande pace,
tempio di serenità.
Dopo notte di sogni
il nuovo dì m’attende
e grande è il desio
di felici eventi.
Puro nello spirito
e forte nelle membra
guardo l’alba radiosa
che sorge dalle cime
dei verdeggianti colli
dei Lepini monti.
37
UN POMERIGGIO D’AGOSTO
AL MARE DI BORGO SABOTINO
La barca dondolava
dolcemente sul mare
appena increspato
dalla brezza gentile.
Sereno era il cielo
ed una linea grigia
nettamente stagliava
l’orizzonte lontano.
Sulla piccola barca
in balia delle onde
strettamente uniti
ci saziammo di baci.
Lì, soli noi due,
tu ed io amanti
nostra “LOVE STORY”
così ebbe inizio
e mai avrà fine
fin che vita resiste.
38
Cinta d’antiche mura, in vetta al colle
sorge maestosa fulgente Teano, città
che tutt’intorno nella distesa valle
dell’Annunziata erge il campanile,
austero simbolo di civiltà cristiana.
Nel cielo svettano i torrioni dei palazzi
e dal vecchio Centro s’aprono le strade:
l’Appia regine delle antiche vie;
l’autostrada Napoli – Milano:
il largo d’asfalto serpentone,
che lungo gli Appennini si disnoda;
la Casilina Capua a Roma unisce
passando per la martire Cassino.
Simil percorso fa la ferrovia,
oltre Capua tocca Santa Maria,
dopo Caserta, Maddaloni ed altri siti,
all’ultima fermata a Napoli s’ arriva.
A Teano d’inverno il clima è mite
e d’estate a sera vi soffia il ponentino;
c’è fresco durante il solleone
sotto l’ombra di verdi piante rigogliose.
L’agro è ricco d’acqua di limpide sorgive,
l’aria salubre è di fiori profumata:
suggestivi paesaggi di terrestri Paradisi.
A voi viandanti che per lo stival vagate,
fermatevi a Teano per un buon ristoro,
perché anche v’attende gentile cortesia
degli operosi attenti cittadini
e c’è dell’altro che non v’aspettate:
una cucina semplice, che altrove non trovate,
pietanze deliziose di sapori prelibati,
aromi e spezie per ogni portata,
vere leccornie, delizie del palato.
A tavola trovate il pane fatto in casa,
sapore antico, mai dimenticato
ed un boccion di vino fresco di cantina,
prodotto da vitigni in filari coltivati:
un tipico rosso Sangiovese di pregiate
uve
o un rosso Falanghina dell’agro Sidicino,
che lieta faran la sosta in buona compagnia.
Certi che il ristoro sia stato ben gradito
ad un vostro ritorno qui a Teano
sarete accolti come meritate.
TEANO
39
PRIMAVERA A TEANO
Sul tondeggiante colle
cinta da antiche mura
s’erge imponente TEANO
e giù, tutt’intorno,
nella verde valle
dell’ampio arcobaleno
c’è ricchezza di colori.
Nell’aria s’avverte
soave il profumo
di sì bella stagione.
Nel cielo assolato
svettano le rondini,
merli e passeri
con gaudio cinguettano
le note più celebri
del canto dell’amore,
mentre nel gran giardino
della gioventù fugace,
sboccia sempre un fiore
al novello sorgere
di un grande amore.
Che bello vivere qui
e dell’amor nutrirsi
nella bella etade,
cogliere il fiore
al massimo splendore.
Ciò che di tuo lasci
di ricchezza non colta,
del suo gran valore
domani nulla varrà.
40
SAN DONATO
IL MIO VILLAGGIO
Tanta quiete
regna a San Donato
tra i verdi prati
della lussureggiante piana.
Non c’è suono di voci,
ferma sembra la vita
nelle quattro dimore.
Una grande “Croce”
del Cristo morente
c’è nel paese
e ci sono cani randagi
in cerca di cibo
tra i rifiuti.
In questa natura morta,
con mestizia trascorri
ciò che ancora
resiste alla vita
e a cuor sereno attendi…
pazientemente… l’oblio.
41
42
SSEZIONE SECONDA
Odi alla vita
43
UN GIORNO DI SOLLEONE
IN UN PAESAGGIO COLLINARE
Vissi un bel giorno
di una rovente estate
nel mezzo di un prato
disteso all’ombra
di una grande quercia
lontano da un arnia
gremita di api brulicanti.
In questo insolito sito
piacevole mi fu sostare
all’ombra delle verdi fronde,
allietato dal trillo
dell’usignolo cantatore
e dalla melodia dei merli,
alla piana ondeggiante
tra i verdi colli,
a tratti interrotta
da fiorenti colture,
le cui foglie flettevano
al lieve ponentino.
In più alta quota,
lussureggianti faggeti
coprivano i fianchi dei monti,
ove sorgenti d’acque zampillanti
su scoscesi pendii
alimentavano torrentelli,
che su alvei smottati
scendevano a valle.
Esultante di gioia
passai quel giorno d’estate
rivivendo lontane rimembranze
di spensierata fugace gioventù.
44
L’ULTIMA FOGLIA
Le ho viste sui rami
tutte grandi divenire,
di verde ornare l’albero,
che il vento di tempesta
le fronde sparse china.
Quanti nidi a dimora
sui rami gli uccelli
in fretta han costruito,
quanti felici amori
han promosso nuove vite
perché la specie non debba finire.
Ma l’autunno che seguì l’estate
segnò l’inizio della loro fine,
ad una ad una tutte andaron via
e sola, sola una rimase,
chissà per qual destino,
a vivere d’angoscia
l’ultima agonia.
INCOMPARABILE POEMA
Sulle ali del vento
nei verdi prati della valle
di forme indefinite
con capelli arruffati
nel denso fumo di smog
canterebbero le ninfe
per la gioia di vivere,
ma distolte dal fato
con gli occhi velati di pianto,
senz’alcuna figura di danza
e non dalla gloria guidate
inneggiano all’amore
e antiche ninfe dell’Eden.
45
LA LUCE
All’ alba della vita
è cominciato il giorno
con pene e gioie
fino al tramonto.
Ho navigato nella tempesta
con mare forza dieci
su vecchie carrette
in balia delle onde,
eppure, in porto sono giunto
con il sole e la quiete.
Con passo lento
nella notte fonda,
malfermo ho camminato
a lume di candela
su sentieri impervi
per terre inesplorate,
su orli di dirupi,
ma sulla vetta,
in cima all’irto colle
mi ha folgorato il sole…..
Come Cristo Risorto
sono di nuovo giunto
all’alba delle vita.
46
S O L I T U D I N E
Quanta tristezza in chi
non per sua scelta
da solo dipana
il filo della vita.
Ormai non ha più senso
rifar tutto daccapo;
son pochi giri all’aspo
e siamo già alla fine.
S O L I T U D I N E
AL CALARE DEL VESPRO
Ognuno è solo
al calare del vespro,
sconfitto dal tempo,
che muta in humus
le foglie ingiallite
e ogni vita estingue.
47
MAMMA MIA
Come potrei dimenticare
che per nove mesi
in grembo mi portasti
e il tuo ventre fu…
la mia prima casa.
Raccolto ero io
in tiepida placenta,
poi venne il giorno
e fu il mio natale,
dopo un travaglio
che non puoi scordare,
ma al primo vagito
sgorgaron lacrime di gioia
dagli occhi tuoi…
lucenti di passione
e timido m’accostai
al tuo pregnante seno
perché pronta era già
la prima mia poppata.
Fonte di vita fu
quel dolce latte
e grande gesto d’amore
anche furon le coccole
del mio caro papà,
il mio primo uomo della vita.
Come potrei dimenticare
mamma mia?
Per la festa della mamma.
48
CANE RANDAGIO
Vago solitario e triste,
con lo sguardo spento
ingannando il tempo
tra il giorno e la notte,
nel freddo pungente
o nel torrido caldo.
Sono pieno di zecche
e pieno di malanni,
non conosco chi
mia madre ingravidò,
anche lei non c’è più,
e nulla so dei miei fratelli.
Pure i miei simili
mi schivano nei campi
e nelle strade m’inseguono
con ferocia ad azzannarmi.
Non c’è uomo per me
a cui il cane è amico fedele
che mi faccia le coccole
e mi riempia la ciotola di cibo.
Mi rifocillo nei cassonetti
cercando avanzi nei rifiuti.
Sono senza nome,
non ho una cuccia,
sono d’amore negato:
un povero cane randagio.
49
UN BIMBO ABBANDONATO E
UN CAGNOLINO RANDAGIO
Era un giorno di freddissimo inverno,
il sole a tratti splendeva nel cielo,
il vento del nord soffiava sibilante
dalle vette imbiancate dei monti
e sulla piana umida di pioggia
cadevano cristallini di candida neve,
che si scioglievano sulla nuda terra
formando gelidi acquitrini.
In un quartiere residenziale
di una grande metropoli,
lungo un ampio marciapiede
di un viale alberato di pini,
un esile bimbo abbandonato
e un cagnolino randagio,
entrambi tremanti, cercavano un riparo
e un cuore affettuoso di mamma,
che a loro il destino aveva negato.
50
MAESTRA, DOVE SEI ?
Ragazzi, sono qui con voi,
vi sento, vi vedo, vi parlo,
ascolto i vostri palpiti.
Siate forti, ce la faremo.
Sento voci sopra di noi,
sono i vigili del fuoco,
son ‘ venuti qui a salvarci,
sono certa che non moriremo,
ritorneremo alla luce.
Tenetevi per mano, bimbi,
restate fermi e preghiamo,
il buon Dio ci aiuterà.
Uno per volta, contiamoci,
dite chiaramente il nome,
solo quello di battesimo,
sono vostra seconda mamma.
Ecco, vedo lì una luce,
presto verranno a liberarci
da queste pesanti macerie,
rivedremo i nostri cari,
piangenti ci abbracceranno
e la gente ci applaudirà.
La sofferenza sarà finita,
la vita sconfigge la morte.
Grazie Dio, nostro buon Signore!
Siamo ritornati alla vita…
ma siamo pure molto tristi,
per quelli che più non ci sono.
Possa Tu tenerli con Te in Paradiso.
Essi saranno i nuovi Angeli
venuti da San Giuliano di PUGLIA.
Terremoto a San Giuliano di Puglia (CB)
del 31 Ottobre 2002 ore 11.32 a.m.

51
AURORA DI UN GIORNO
DI FINE PRIMAVERA
Ancor prima dell’alba
ove ad est il sole si leva
sui tetti delle case
fra i comignoli spenti,
è preludio del giorno ch’esplode
da una notte tempestosa
di sogni lugubri d’infanzia.
Dalla finestra che guarda l’Oriente
osservo la splendida aurora
di fine primavera.
Nell’aria si ode festoso,
con sublime armonia,
il coro degli uccelli,
che gorgheggiano felici:
evviva! evviva la vita!
Ed ecco il primo raggio di sole
che staglia sulla parete
una stria luminosa
e d’ora in poi, via via,
il brulichio della vita
riprende il suo ritmo,
il tempo inesorabile
scandisce il suo tic tac,
il nuovo giorno prosegue
nell’alternarsi di luci e ombre
e nel continuo, infinito chiaroscuro
la vita eternamente si rinnova.
52
NOTTE D ‘ ESTATE
Ai dodici tocchi,
all’ora delle streghe,
la melodia di stelle,
sparse nel cielo
di chiaro plenilunio,
la mia mente richiama
l’infantil sogno
quand’ero ancora bambino:
“ colsi nel ciel le stelle,
che brillavan come gemme
e le ponevo in un cesto d’oro,
che meco teneo stretto
in esile manina “.
Tornato sulla terra,
osservando il ciel notai,
ch’era sì tanto brutto
senza il firmamento.
Fu vera pazzia,
volai di nuovo in alto
sempre più su,
fin dove il cielo
sembrava finire.
Colà riposi le stelle,
ognuna al posto giusto
dov’essa già brillava.
Pago del mio nobil gesto
sulla terra ritornai,
giungendo alla mia dimora
ebbro di grande gioia,
perché avevo reso al cielo
tutto il suo dovuto.
53
54
SEZIONE TERZA
Poesia di fede
55
PELLEGRINO DELL’ASSOLUTO*
Che bello esser privo
d’ogni altrui apporto
con il pensier vagante
nel cosmo senza fine.
Un mendico di grazia
di verità assoluta
alla ricerca di Dio
vero, unico e trio.
All’ultimo traguardo
un premio m’attende
di spiritual pace
nell’eterno riposo.
*Dedicata a Don Adriano Pollice
56
LA VIA DEL GOLGOTA
Aspra e faticosa
è Via del Golgota,
per le sue insidie
molte volte cadrai
e si aprono squarci
nel tuo corpo stremato
con il sangue che sgorga
da profonde ferite.
Laceranti dolori
ti accompagneranno su,
fino alla cima
che domina la valle.
Al finir del calvario,
per la crocifissione,
è gia pronta la CROCE
sulla quale esalerai
con morte straziante
il respiro finale.
Per tutta la vita
la crudamara pietanza
hai dovuto mangiare
come pasto frugale
dell’ultima cena.
Finalmente potrai
come ultimo premio
ottener con certezza
la pace dell’anima
nell’eterno riposo.
57
P R E G H I E R A A D I O
A Dio che mi creò agile e carino,
come tutti i bimbi del mondo,
libero di sorridere o di piangere,
di correre, saltare e nuotare,
imparare a leggere e scrivere,
conoscere le lettere e le scienze.
Grazie a Te, Dio mio!
Per quel che mi hai donato.
Ormai è tempo di bilancio:
il conto che fugge della vita,
trascorsa tra luci ed ombre
con sempre pericoli in agguato.
Tu mi hai protetto per mare,
cielo e terra e in ogni dove
e adesso ch’è giunta la mia ora,
per me suoneranno le campane
per la Santa Messa dei defunti.
Stanco, sfinito di peregrinare,
ti renderò la vita terrena
che Tu m’hai dato,
perché l’anima mia
sia accolta in Paradiso
senz’ombra di mortal peccato.
58
A SANTA MARIA
Tu sei la luce che folgora
le tenebre della notte,
tu sei l’aurora
del lieto giorno
quando il fato ti arride,
tu sei della vita terrena
la somma felicità
della bella etade.
LA MADONNA DEL DIVINO
AMORE
Tu sei dell’amore
il potente motore
che l’universo muove
senza mai fermarsi.
A te affidiamo
le nostre anime
perché siano ammesse,
per tua intercessione,
a godere nella vita eterna
la gloria di Dio.
59
AVE MARIA DEL SOCCORSO
ave Maria, madre di dio e di tutte le genti,
soccorritrice degli afflitti,
che implorano il tuo aiuto
nell’accettare il quotidiano dolore,
io rivolgo a te
in spirito di umilta’
la mia sentita preghiera:
proteggimi dal male,
fa che la mia anima,
quando sara’ libera dal peso della carne,
sia ammessa a godere la tua gloria,
al cospetto di dio,
del suo figlio gesu’
e dello spirito santo.
Fammi dono , oh Maria, della tua misericordia!
concedimi la tua grazia:
non sono degno del tuo splendore,
abbi pieta’ di me!
Ave Maria del soccorso,
vergine santa,
figlia madre del nostro grande fattore,
guidami per la strada maestra
ch’io vi possa camminare in letizia,
nei suoi traguardi a grani di rosario,
in tuo onore e gloria, amen.
60
NATALE
Scendono dai monti
I due zampognari
per l’antica novena
al Bambino Gesù.
Dalle loro zampogne
il bel suono si spande,
gran lode cantiamo
a Gesù Salvatore.
Venite a vedere
gli accorsi Re Magi
flessi ai piedini
di Gesù Redentore.
Sia dono di tutti
bontà e carità,
più non si soffra
la fame nel mondo.
Che il mal si sconfigga,
che il bene trionfi,
regni sulla terra
vera pace ed amor.
Così volle il Fattor,
lo vuole Gesù,
godiamoci in pace
il paradiso quaggiù.
61
PASQUA DI RESURREZIONE
S’ode festoso
il suon delle campane,
dalla chiesetta
a valle si diffonde.
Cristo è risorto!
La tomba si scopre,
solenne e maestoso
sale al cielo
dimora divina.
Osanna all’Altissimo!
L’umile gente
distesa si prostra
la terra baciando.
Grande sempre sia
nei secoli Dio!
62
A FRATE BERNARDO TOLOMEI
Assoluta povertà
e mistica solitudine
sono vere ricchezze
di fratel Bernardo.
Tanta purezza
e santità di vita
nei vecchi Padri
meraviglia suscita
e fermenti di fede
nei fraticelli spande.
Di San Benedetto
la regola osserva
“ora et labora” *
il giorno si colma,
come tralci di vite
la vita rinnova
ed ovunque accende
l’amore di Dio.
* Prega e lavora.
63
A SANT ‘ EUFEMIA VERGINE E MARTIRE
A te gloriosa Sant’Eufemia,
di Cristo sua purissima sposa,
per Lui la tua vita immolasti,
per Cristo fu tutto il tuo amore.
A Te nostra Santa Protettrice
rivolgiamo le nostre preghiere:
aiutaci ad imitare il tuo coraggio,
che come esile e dolce fanciulla,
con il cuore di tenero giglio,
di sempre puro splendore,
paura vincesti, da sola lottando
contro il potente maligno,
per tenere ben salde
le tue morali virtù.
Salve Sant’Eufemia Vergine e Martire,
salve a Te, di Cristo il bel fiore
del suo giardino prediletto,
consiglia e proteggi,
nostra Santa Compatrona
chi con gran fede
implora il tuo aiuto
affidandosi a Te.
Sii Tu sempre
nel cammin di nostra vita
la fedele compagna,
la nostra reginella di pace,
d’amore e di perdono.
64
Tu a Cristo la vita
intera hai dato
e tutto alla Chiesa
con amor donato.
Le anime dei fedeli
hai ben curate
e ai sacri riti
da Te officiati,
la Casa del Signore
di fedeli traboccava
e col pane e vino
dell’Ostia Consacrata
alla Mensa di Cristo
li hai rifocillati.
Ad essi hai porto
tutti i sacramenti
che potevi dare.
Alla fonte di Cristo
li hai battezzati,
per il loro amore
li hai coniugati,
in Cristo e per Cristo
li hai così guidati
e quando al cielo
Dio li ha chiamati,
hai con l’Olio Santo
unto il loro capo.
La tua grande fede è stata
la venerazione di Santa Maria,
la madre del Signore.
A chi ti ha amato
resta il tuo ricordo
ed il buon Dio
in Paradiso accoglie
i servi suoi.
Grazie a Te,
nostro caro Don Paolo,
per il buon esempio,
che ci hai offerto,
con paterno amore.
IN MEMORIA DI MONSIGNORE PAOLO CAPOBIANCO
65
RITRATTO DI SAN GIUSEPPE MOSCATI
Egli fu santo per volontà divina
fin dalla sua nascita.
Fu come fiore che con vigore
apre al caldo sole i petali,
mostra la bellezza
e spande intorno a se
il suo profumo.
Santo egli è
figlio prediletto del Signore.
Giuseppe adorava la natura,
e dell’Arte sentiva la malia
che con amore agli altri trasmetteva.
La moralità era la sua “Lex Vitae” *
e conservava nitido lo spirito.
Con fraterno rispetto
curava i suoi malati
e per caso grave Dio implorava:
sia esso graziato!
Tanti in verità, si son salvati
per opera del medico Moscati.
* “Legge della vita.”
66
IL CANTICO DI FRATE SOLE DI SAN FRANCESCO
D’ASSISI (1210) COMMENTO.
Tu Altissimo, Onnipotente, mio Signore.
Tue sono le lodi, le glorie, l’onore ed ogni benedi-
zione. Altissimo, tutti sono concordi che nessuno è
degno di fare invano il tuo nome.
Tu sia lodato, mio Dio, con tutte le tue creature
specialmente il fratello Sole che ci illumina con la
sua luce. E’ bello e ci irradia con grande splendore.
Esso è il tuo attributo di luce divina che sconfigge
le tenebre.
Tu sia lodato mio Dio, per sorella Luna e le Stelle
che hai posto nei cieli: splendide, preziose e belle.
Tu sia lodato, mio Dio, per fratello Vento e per
l’Aria, con nuvole o senza e con qualsiasi tempo.
Tu in ogni momento dai sostentamento alle tue
creature.
Lodato tu sia, mio Dio, per sorella Acqua che è
tanto umile, modesta, preziosa e pura.
Lodato tu sia, mio Dio, per fratello Fuoco che ci
illumina la notte ed esso è bello e giocondo, viva-
ce e forte.
Lodato tu sia, mio Dio, per sorella nostra madre
Terra che ci sostiene e ci governa e produce di-
versi frutti, fiori colorati e prati.
Lodato tu sia, mio Dio, per quelli che per amore
tuo ci perdonano e considerano annullate tutte le
loro sofferenze.
Benedetti siano quelli che promuovono la pace per
la quale tu Altissimo porrai sulle loro teste l’aureo-
la della santità.
Lode sia a mio Dio, per sorella Morte dalla quale
nessuno è risparmiato.
Guai a quelli che muoiono nel peccato mortale,
benedetti invece siano quelli che trapassano, nel-
la tua volontà, con le loro anime libere dal male.
Lodate e benedite il mio Signore, ringraziatelo e
servitelo con grande umiltà.
67
68
SEZIONE QUARTA
Poesia d’amore
69
MASSIME
Si possono ingannare tutti per poco tempo.
Per sempre si possono ingannare solo poche persone.
Ingannare tutti per sempre è impossibile.
Fai oggi quello che puoi fare domani.
C’è un tempo per fare ogni singola cosa
ed ogni cosa ha il suo tempo per essere fatta.
Non si può fare la frittata senza rompere le uova.
L’amore è il motore che l’universo muove e fa
brillare il sole e le altre stelle eternamente.-
Impara bene a vivere la tua scelta di solitudine e
sarai più concreto e più responsabile delle tue
azioni.
La vita ha un grande valore se si è utile per qual-
cosa o per qualcuno.
La via della virtù è piena di buche.
L’istinto aiuta gli animali a sopravvivere.
L’uomo violenta la natura per estinguersi.
Non è importante considerare solo gli effetti
negativi derivabili dalle nostre azioni imprudenti,
ma è soprattutto importante valutare le possibili
conseguenti fatali risultanze.
E’ follia correre con l’auto a velocità per legge
proibita pur di non arrivare in ritardo ad appun-
tamenti importanti. Il rischio di morire per inci-
dente d’auto è molto alto.
I morti non hanno interesse di partecipare ad
appuntamenti importanti.
I vecchi sono facili prede delle bande minorili.
Al cane vecchio la volpe fa la pipì.
Tutto si sconta su questa Terra prima dell’ultimo
respiro.
Non esistono uomini che hanno sempre ragione
su tutto.
Ci sono uomini che hanno sempre torto, ma
sono molto rari.
Non si possono ringoiare le parole una volta dette,
come non si può richiamare all’arco la freccia ap-
pena scoccata.
Le parole hanno ognuna un proprio significato,
ma quando non sono saggiamente usate diventa-
no macigni inamovibili che solo il perdono può
rimuovere e mutarli in piume che il vento forte
nell’aria disperde.
70
CHE COS’E’ VERO AMORE
Quando la prossima volta ti troverai a tu per tu
con la tua donna amata cerca di scrutare nel tuo
animo ed osserva e valuta scrupolosamente se
davvero tu possa accostarti a lei sicuro di te stes-
so, di amarla sinceramente senza ombra di dub-
bio e di averla scelta come tua fedele compagna,
nel bene e nella cattiva sorte, per tutta la vita.
Se così è, devi rispettarla sempre ed essere sem-
pre più innamorato di lei.
Onora la sua personalità e sii sempre più convin-
to che l’amore è comunione perfetta di nobilissimi
sentimenti.
L’amore è affetto sincero senza condizioni. E’ il be-
ne unico del corpo e dello spirito, è attaccamento
forte, è adorazione e attrazione, è passione e desi-
derio di unirsi, è gioia, bellezza e probità.
L’amore è ardore e fiamma che illumina il cammino
per tutto l’arco della vita.
L’amore non è soltanto unione di due corpi e di due
anime, ma è anche e soprattutto miracolo che fonde
due corpi in uno solo con due anime che vibrano
all’unisono. L’amore è l’espressione mistica che coin-
volge l’umana spiritualità.
Prova in amore a sfidare te stesso e tentare di sco-
prire in te quella scintilla di divinità che ti per-
mette di considerare il piacere carnale come unica
risorsa di elevata sacralità dell’essere non un ani-
male selvaggio, ma un uomo ad immagine e divi-
na somiglianza perché : “ NATI NON FUMMO A
VIVER COME BRUTI, MA PER SEGUIR VIRTUDE
E CONOSCENZA “.
Questo disse Dante, il poeta divino. Egli disse anche:
L’ AMORE MUOVE IL SOLE E LE ALTRE STELLE “.
L’amore è, soprattutto il gran motore che l’universo
muove ed eternamente si rinnova senza mai finire.
71
LETTERA AL PRIMO AMORE MAI SPEDITA.
Alla Nobil Donna Annamaria,
vorrei ricordarle che è trascorso più di mezzo seco-
lo da quando la chiamai per la prima volta con il suo
nome di battesimo: Annamaria, e lei mi rispose:
Giovanni, poi ci demmo il “ tu . “
Tanto tempo è trascorso, ma non è bastato per po-
terla dimenticare. Tante sono anche state le vicis-
situdini, buone e cattive della vita, ma il ricordo di
lei non è mai passato nell’oblio. Sono anche certo,
che lei tuttora vive con l’imperituro ricordo del pri-
mo ed unico amore della sua vita.
Il suo Principe Azzurro, che doveva destarla con un
bacio, la lasciò addormentata nel bosco e così la
bella fiaba d’amore finì senza giungere a lieto fine.
Per questo grande amore abbiamo entrambi paga-
to un altissimo prezzo e sofferto molto per non aver
potuto realizzare quello che i nostri cuori desidera-
vano ardentemente. Il mio rammarico fu il non es-
sere accettato dai suoi cari il che ferì il mio orgoglio
e volontariamente mi allontanai per sempre, scom-
parendo dalla sua vita senza più vederla, ma senza
dimenticarla mai.
Lei, con ovvia sofferenza, accettò il mio disimpegno
come fatto naturale e come forza del destino. Io non
potei essere suo a causa delle differenze sociali del-
le nostre rispettive famiglie.
Il nostro puro amore durò pochissimo tempo, ma la
fiamma che lo accese non si è mai spenta perché
nel vero amore le condizioni sociali non fanno la dif-
ferenza.
Non ho mai dimenticato un pomeriggio d’estate,
quando c’incontrammo a casa di una sua cugina,
un po’ più grande di noi, nel cortile per l’esattezza.
La casa stava sul lato destro, lungo il prosieguo del
corso principale, una cinquantina di metri dopo la
piazza. Sullo stesso lato, nei pressi della casa di
sua cugina c’erano: un negozio di dolciumi e un ne-
gozio di generi diversi la cui gestrice era una signo-
ra, figlia del proprietario di un grande magazzino,
sito in un angolo dell’incrocio, nei pressi di casa
sua. Ricordo, che in quel cortile, approfittando di
un momento che eravamo soli, io tentai di darle
un bacio, che lei, per timidezza, non corrispose.
Per noi era importante soltanto il poterci amare
immensamente.
Quel nostro puro e giovanile amore nasceva dal più
profondo delle nostre anime, ma quella nostra bre-
vissima “love story” ha lasciato nei nostri cuori
segni indelebili. Fu comunque un grande amore, il
primo ed anche l’ultimo perché dopo di esso c’è sta-
to il deserto come scelta obbligata della vita.
Ogni essere umano, dalla nascita fino all’ultimo re-
spiro, porta sempre con se sulle spalle il peso della
sua croce, ed il percorso lungo il quale si snoda il
cammino della vita è il calvario che ad ognuno ap-
partiene.
Come fu per Cristo, così per tutti c’è una croce, più
o meno pesante, a cui nessuno può sottrarsi.
Io, per quanto mi riguarda, non ho mai avuto ranco-
re verso chicchessia, il mio rammarico è stato per
non aver potuto rispettare ed amare con sincero
affetto filiale e fraterno quelle persone come avrei
ardentemente desiderato.
Ad essi avrei sicuramente dedicato una parte non
irrilevante della mia vita ed avrei fatto tutto quello
che potevo per guadagnarmi la loro stima ed il loro
affetto.
Mi spiace che anche loro hanno dovuto rinunciare a
qualcosa , ma questo, mi creda, ha maggiormente
accresciuto le mie sofferenze interiori. Io, comunque,
ho sempre accettato le vicissitudini della vita come
disegno della Divina Provvidenza.
Sia fatta la volontà di Dio!
Quanto detto sin qui non è e non vuole essere una
seconda dichiarazione d’amore, ma vuole invece
essere una sincera confessione di tutto ciò che è
stato della mia vita. Le chiedo perdono per il danno
che le ho arrecato e che non potrò mai risarcire.
Le posso assicurare che questa nostra disavventura
sentimentale, anche a me è costata un prezzo ine-
stimabile che non riuscirò ad estinguere per il resto
della vita che ancora m’appartiene. Nasconderò nel-
le pieghe del tempo le sofferenze dell’anima che mai
si placheranno fino a quando avrò vita.
Concludo pregandola di volere accettare la mia gran-
de stima e il più assoluto rispetto, con l’auspicio
che il futuro sia per lei e anche per me foriero di
attimi di intima letizia, anche perché, e ne sono più
che certo, non abbiamo assolutamente demeritato.
Possano le nostre labbra poter sorridere e far felici
quelli che ci tendono una mano offrendoci un aiuto:
Lode ad essi che nei momenti di bisogno ci sono
stati vicino per sostenerci spiritualmente. Anche
questo è Amore!
73
A TE
Io so che Dio creò il mondo in sei giorni e al settimo
fece una gran festa.
So anche che lo stesso Dio, in una pausa del Suo
eterno operare, creò te, splendida creatura, model-
lo unico, perfetta nelle forme, con linee e curve da
gran Maestro tracciate, una vera opera d’Arte , nel
suo genere, non ripetibile.
Bella più di te una sola lassù,
la Madonna, la Madre di Gesù.
Una realtà questa incontestabile, vista con i miei
occhi in uno splendido giorno d’estate in una via di
paese. Poi ti ho visto ancora nei sogni di una notte
di luna piena che splendeva, come non mai, in un
cielo stellato con i pianeti che le danzavano intorno
al suono di una musica celestiale, rendendo rispet-
toso omaggio alla tua beltà.
Marte, il pianeta rosso, era vicinissimo alla Terra.
Grande era la Luna, sembrava prossima a noi che
si poteva toccare con un dito. Questa divina nottur-
na visione, ricca di tanta paradisiaca bellezza è im-
possibile poter dimenticare, anche se è stato un so-
gno, la realtà non era affatto diversa.
74
A FRANCA
Di biondi fili d’oro
s’adorna il tuo bel volto,
splendono gli occhi tuoi
di grande viva luce.
Sei donna stupenda,
madre di bella prole,
che l’esempio sono
delle tue gran virtù.
D’amore ed onestà
i figli tuoi son ricchi
e sicurezza danno
a chi più bisogno ha.
L’oggi ti è sicuro
certezza poi sarà
ti benedica Dio
per quello che verrà.
75
A MENA AMORE MIO
Tu sei tutto per me
che l’amore vuol dire,
l’anima mia langue
per la gran voglia di te.
Sei la perla del mare,
l’atollo che emerge
dalle acque profonde,
tappezzato di fiori
e d’alberi magici
carichi di gran pomi
di frutti proibiti
d’original peccato.
Quant’è bella la vita
innamorato di te,
tu sei la mia Regina,
io sono il tuo Re.
76
A SABRINA
La dolce creatura,
splendido cuore d’oro
di grand’amor’infonde
a chi al suo cuore
con gentil’ atti giunge.
Di nobil sentimenti
e di grazia abbonda,
fulgente ha lo sguardo
e solo ammirazione
da chi l’incontra coglie.
Beato chi di lei
il più bel fiore prende
giammai paura avrà
di perdere l’amore.
77
A ELENA
Di giovanile slancio,
di sportivo ardore,
il bel corpo si muove
in fragranti olezzi
di roseti in fiore.
Flette alla gentil brezza,
come fronde al vento,
la corvina chioma,
che il tuo bel viso adorna
e con attento sguardo
i tuoi occhi neri
mirano lontano
splendidi orizzonti.
Sandro, il latin lover,
felicemente gode
Di Elena la belta’
e d’amor suo si nutre.
Sia beata gioventu’
che vola tuttavia,
ma per chi amare sa
l’amore mai fine avra’.
78
A SILVIA - SENZA TE
Senza Te
la mia vita non ha senso,
quando tu non ci sei
mi sembra di vivere
come in un incubo.
Senza Te
mi sento triste,
lontano da te
io vedo la tua ombra
sempre al mio fianco
Senza Te
io sento la tua mancanza,
ma vedo ovunque
la tua bella figura
sempre davanti a me.
Senza te, amore mio,
sarei pazzo
e come tale
ti vedrei lo stesso
perchè sono follemente
innamorato di te.
79
FAMMI UNA CAREZZA
Fammi una carezza, per favore
ed io sono felice.
Solo una carezza
e tu mi prendi il cuore.
Fammi una carezza, per favore,
tesoro mio!
per me, è una ragione in più,
per essere beato in paradiso.
Ma che ti costa
accarezzarmi una volta solo?
Ed io t’adoro
da qui all’eternità.
FAMMELLA ‘NA CAREZZA
Fammella ‘na carezza, pe’ favore
e ie so’ felice.
Sule ‘na carezza
e me te pigli o core.
Fammella ‘na carezza pe’ favore,
tesoro mio!
Pe’ me, è ‘na ragione e cchiù
p’essere beato mparadise.
Ma che te costa
accarezzamme ‘na vota solo?
E ie t’adoro
da mò all’eternità.
80
A IMMA - TU SEI IL
MIO DESTINO
Tu sei la luce
che sconfigge le tenebre,
sei il tiepido sole
che colora di rosso le fragole,
schiude i boccioli del pesco,
matura le prime ciliegie,
preludio della calda estate
che apre i cuori agli amori,
dà sapore ai frutti proibiti,
piaceri dolci della vita,
limitata nel tempo
e nello spazio
che si vorrebbe non finisse mai.
AL MOMENTO FELICE DEL
FATIDICO SI
Se vuoi ti dedicherò
tutti i sogni miei,
perché madre tu sarai
dei figli nostri.
Insieme costruiremo l’avvenire,
il nostro e il loro
fidando nel buon Dio,
che luminoso ci renderà il tramonto
con il sorriso di tanti nipotini.
81
SILENZIO ASSOLUTO TRA NOI
Tutt’intorno c’è silenzio,
attimi persi nel tempo svanito.
Tu cerchi le mie mani,
io non trovo le tue.
Tu osservi il mio volto
e scruti i miei persieri.
Io sento il mio respiro
fondersi con le tue pene
mentre il mio cuore batte
sempre più lento… dentro di me.
A ROSARIA
AMORE SENZA FINE
Essere sempre amanti
di così bell’amore
con giovanile spirto
pieno d’umano ardore.
Che regga all’infinito
il vero grand’amore,
ripetersi nel tempo:
amore mio, ti amo!
Sentirsi sì felici
finchè vita resiste,
saldamente uniti
in gioia e nel dolore.
82
UN SALTO NEL PASSATO
A questi olivi che mi videro fanciullo
rincorrere farfalle variopinte
nei prati fioriti a primavera,
ho narrato la mia triste storia,
come ad un bimbo una fiaba.
A questo rio che lentamente scorre,
alle cui sponde spesso sedevo
al torrido sole d’agosto,
ho raccontato al vento i sogni
della mia passata gioventù.
A queste lussureggianti colline,
dove solo e pensieroso sostavo
nei bei rosseggianti tramonti,
ho chiesto se ancora vedrò lei
cogliere qui il narciso in fiore.
DESTINO
Un solo egual fato
ebbero nostre vite.
Di gioie fummo colmi
alterne di gran pene,
ma alla meta giunti
pace fu dell’anima
omaggio del buon Dio.
Prendiamo ciò che resta,
ma nulla c’è dovuto
se non è meritato,
il dono dell’amore
è premio della vita.
ben venga nuov’amore
il più bello che ci sia!
83
AD ANTONIO E AMALIA
GRANDE AMORE
Se tu vuoi… puoi allontanarmi
come da uomo infido si fugge,
puoi disperdermi nell’aria
come piuma al vento,
puoi sciogliermi come neve al sole,
puoi prenderti tutto di me
e ridurmi in estrema povertà.
Tu puoi fare tutto questo
e ancor’altro di peggio,
ma giammai tu potrai
distruggere l’anima mia
che ha il solo torto
di amarti immensamente.
AMORE SENZA CONFINE
Ti prego, dichiarami ora il tuo amore,
non posso aspettare fino a domani,
oggi è troppo lungo a finire.
Amore mio! Dimmi ora, per favore:
“io ti amo davvero, tesoro mio!”.
Ed io ti rispondo trepidante:
“anch’io t’amerò da morire!”.
Senza te la vita mia è scialba
e viverla, mio caro amore,
non avrebbe più senso,
ma con te al mio fianco
varcherei i confini del mondo
e la mia gioia di vivere
sarebbe infinita.
84
ALBA “ NOVA “
Tu sei la regina di cuori
e vigore tua immagine m’infonde.
Vicina ti sento a fior di pelle
ed il mio cuore, d’amor tuo si nutre.
Di gioia m’inebria
tua eterna giovinezza,
m’incanta il color celeste d’occhi tuoi,
vaga il mio pensiero senza meta,
vola oltre i confin della ragione
svanendo all’infinito nell’oblio.
M’è poi più dolce il navigare
con la mia vecchia nave
che tuttora l’onde frange
negli oceani tempestosi,
ma ben salda è la mia speranza
che al nuovo giorno…l’alba…sorgerà.
A PINA ETERNO AMORE
I miei capelli
diverranno grigi,
forse non vedrò più
i colori dell’arcobaleno
e più non sentirò
il canto degli uccelli.
Avrò il volto solcato
da profonde rughe,
il corpo vacillerà
su esili gambe,
ma sempre ti amerò
finchè avrò vita.
85
SEMPRE TI AMERO’
Nelle stanze silenti,
tutt’intorno c’è pace,
notti colme d’angoscia
fanno i cuori penare.
C’è assenza di voci,
ferma sembra la vita,
che palpita invece
nelle altre dimore.
Con i sonni già stanchi
inseguo le immagini,
le catturo e svaniscono,
le chiamo e non odono.
Sogni appesi al soffitto
nelle stanze silenti,
pensieri vaganti
a lungo t’assillano.
Vorrei pur volare,
non so per quale rotta,
ma se tu ritorni
sempre più t’amerò.
86
L’ULTIMO DESIDERIO
Non mi resta da vivere a lungo,
della sofferente vita
di pellegrino d’amore,
perciò se lo vorrai,
mio solo desio è:
fammi dono dei tuoi sogni,
di uno scorcio che ti resta
della vita che t’appartiene.
Fammi dono di un palpito
del tuo così grande cuore,
di un sussulto dell’anima
e offrimi pure le ansie
che turbano la tua quiete.
Dammi un po’ del tuo respiro
pieno di sofferti affanni
e i gravi dispiaceri,
e le lacrime più amare
nelle quali laverò i miei peccati,
che stenderò al caldo vento
e vivo sole del perdono
per un’anima più pura.
Ciò che resta del tuo pianto
lo berrò per la mia sete.
Poi raccoglierò le ceneri
dei roventi roghi spenti,
darò tutto in beneficenza,
ma terrò stretto con me
il ricordo del tuo amore,
che porterò all’ ultima dimora
perché renda più sereno
il mio eterno riposo.
87
UN SOGNO CHE DIVENTA REALTA’
E’ bello da ragazza sognare
il Principe Azzurro
che un bianco destriero cavalca
nella piana distesa
davanti al superbo castello
con torri merlate,
eretto sul colle
che guarda imponente
il lontano orizzonte.
Il sogno nel nulla svanisce,
ma nel cuore è nato l’amore.
Un respiro affannoso mi prende,
d’incanto il mio Principe Azzurro
ai miei piedi si prostra,
la sua mano mi tende
implorando la mia.
Quelle dita, quel palmo,
quel dorso di mano accarezzo,
quell’attimo colgo
che la vita mi offre
per vivere insieme
desideri e speranze
al cospetto di tutti,
alla luce del sole.
Il sogno è diventato realtà.
E’ qui il mio Principe Azzurro!
L’abbraccio forte, lo stringo a me,
con gli occhi velati di pianto,
con dolcezza gli dico:
Amore mio ti amo!
88
SOGNO DI BAMBINO
Quando ero piccino
sognavo di volare nel cielo
cogliendo stelle ad una ad una
che dolcemente ponevo
in un cesto d’oro.
Com’era diventato brutto
il cielo senza firmamento!
Volai di nuovo su, in alto,
sempre più su
e una dopo l’altra
riposi le stelle dev’eran prima,
ognuna al posto giusto
e la volta celeste
potè ritornare ad essere
bella e splendente
così come Dio l’aveva creata.
IL CREATO NON DEVE ESSERE VIOLENTATO
NEANCHE DA UN INNOCENTE SOGNO INFANTILE.
LASCIATE CHE IL MONDO RIMANGA COSI ‘
COME DIO LO VOLLE!
 
GRANDE AMORE
Manuela mi manchi,
la canzone d'amore
con la penna del cuore
l'ho scritta per te.
Bella stopria la nostra,
una storia d'amore,
i boccioli di rosa
li ho già scelti per te.
Vivere per amare,
la vita è amore,
per gli innammorati
c'è sempre felicità.
 
FOTO PRESENTAZIONE VOLUME FORMIA 29/08/2008
LE PAROLE DELLA MIA VITA
 
GIOVENTU'
Bella è la gioventù
che nella fanciullezza
sembra un'utopia.
Quando meno l'aspetti
te la senti addosso,
è come un miraggio
che subito svanisce.
Cogli l'attimo fuggente,
perché il vento che la porta
è lo stesso a spazzarla via.
 
IL DOMANI E' GIA' OGGI
Domani è già oggi,
il tempo non si ferma.
Quello che hai lasciato
è per sempre perduto
quat'è lieta giuventù
che presto vola via,
ma questo si capisce
solo quando non c'è più.
Non perdete l'attimo
per futili motivi,
son' momenti felici
che non vivrete mai più.
 
SONIA

Più bella sei del sole,
viva luce espandi
dagli occhi splendenti
marrone colorati
e i folti capelli
colore castano scuri,
volto si assomiglia
a quello di madonna.
Un sorriso d’angelo
appare sulle labbra,
arcuate sopracciglia
di pregiate mani,
con giovanile slancio
ti muovi sulle gambe
ad arte ben tornite.
Carattere solare
stile partenopeo
e tutto intorno a te
simpatie raccogli…
sei sole fulgente!


 
DOV’E’ L’ANIMA GEMELLA?
Sento un lieve peso
sulle spalle fragili,
di buoni sentimenti
il mio spirto abbonda.

Cerco un focolare
per vivere la vita
quella che ancora c'è
al meglio che si può.

Se dolori soffrirai
c'è pur chi ti consola
se sete t'affliggerà
hai chi ti porge l’acqua,
lieto soffrir le pene
se condivise in due.

Il passare i giorni
in mesta condizione
non fa bene al cuore,
senz’amor la vita
non avrà alcun senso.

Cosa ti impedisce
fare il primo passo
per essere felice?



 
ANNIVERSARIO DI NOZZE DI RITA E VINCENZO
Siam’ qui oggi riuniti
figli, nipoti e nuora
e i generi compresi
da te molto stimati,
amici e conoscenti
gioiosi a festeggiare
il VOSTRO ANNIVERSARIO.
QUARANTA sono gli anni
di legittima unione,
ma non sembra siano tanti
anche se già nonni siete.
Da noi che vi amiamo,
giammai vi mancherà
il nostro grande affetto.
Tanti auguri a voi
per gli anni che verranno,
sperando siano tanti,
quelli molto più belli
stracolmi di felicità.



 
Prova
Prova
 
POESIE DEI LUOGHI
GOLFO DI GAETA

Nel golfo c’è l’eterna primavera
di aurei lidi e di verdi colli,
c’è il più bell’angolo di cielo
in un paesaggio ricco di colori.

E’ un orizzonte vasto di piacere:
Minturno, Scauri, Formia e Gaeta,
ad arco si protende la riviera
incorniciata da un bel mare blu.

Dalla vetta di Monte Altino
veglia sul Golfo il Cristo Redentore
e a largo, come perle del Tirreno
c’è il paradiso di Ponza e Ventotene.

Volle così che fosse il belvedere
che tra l’Urbe e Napoli fissò
il gran Fattor del Golfo di Gaeta
e migliore opera d’Arte non creò.




A SERMONETA CITTÀ

Si erge il castello
sulla cima del colle,
antica costruzione
di Annibaldi stirpe
secol’ tredicesimo.
Quarantadue metri
alta Torre Maschio
che la piana domina
fino al Mar Tirreno.
Il bel centro antico
cinto da alte mura
solo da quattro porte
l’accesso è consentito.
Il castello divenne
dimora prediletta
del Principe Caetani,
che il gran Signore fu
in lungo e in largo
di tutta la pianura
dai Lepini monti
fino alla marina.
La città si espande
in giro sulla vetta,
di se fa bella mostra
il fascino conserva
vestigia del passato
di antica civiltà.














NORMA

Sul più verde dei colli
a lambire il cielo
è la città di NORMA
che si erge sovrana
sul più alto pendio
dei Monti Lepini.
La sagra del colore
da lassù si ammira
l’agro pontino e mare
del lido di LATINA.
Mista è la coltura
della vasta piana
che fa della veduta
stupendo panorama.
Dal versante opposto
spicca il monte SEMPREVISA
che annuncia il freddo
se s’imbianca la cima.














OMAGGIO A FORMIA

Che bello per un poeta
cantar dei siti suoi
la bellezza sublime.
Il mare che lambisce
le sue verdi coste
e gli aurei lidi:
Porticciol Romano
e spiaggia Santi Janni
così a se vicino.
Nel cuore della città
i moli del bel porto,
arrivi e partenze
da/ per isole pontine
Ponza e Ventotene
e barche da diporto,
lampare per la pesca
di notte nel Tirreno
per specie diverse
di pregiata qualità:
mazzancolli, crostacei,
gamberi e calamari.
La spiaggia di Vendicio
con l’aurea sabbia
la unisce con Gaeta.
Porticciol turistico
riparo di velieri
per lunghe traversate.
Che dire delle torri!
Il baluardo di Mola
con porticciol sicuro
per barchette a remi

e mini sandolini
e l’altra torre si erge
in piazza Sant’Erasmo
di sé fa bella mostra
nel fine panorama.
Formia la paciosa
in lungo si distende
sulle antiche vie,
dal mare su pe’ i colli
di palazzi e ville
della città ne fanno
gran mostra nell’insieme.
Con treni regionali
Roma Napoli vicine
raggiungibili così
in men’ che non si dica.
Formia non ha inverno,
con il suo clima mite
è sempre primavera
e con il plenilunio
la notte sembra giorno.
Oh vacanzier’ del globo
a Formia soggiornate
invitanti attese
vi sono riservate:
Sapori della vita,
gentil brezza dai colli,
sapidità di mare,
fritture delicate,
grigliate mescolate
di carni e verdure







leccornie del palato
altrove non trovate.
Le antiche vestigie
di gran ville dei VIP
di Roma imperiale
e le mura di Nerva,
la tomba di Cicerone
sulla antica Via Appia,
la chiesa di Sant’Erasmo
nel rione Castellone,
le fontane antiche
e il grande Cisternone.
C’è dell’altro che vale
a ricordo perenne
C’è dell’altro che vale
ancora d’ammirare:
il Cristo Redentore
che veglia sul Golfo
in vetta al mont’Altino,
uno dei siti scelti
dei 19 esemplari
nel 19° secolo
dell’Era cristiana,
a ricordo perenne
della espansione
del cattolicesimo
sul globo terraqueo.
A Voi pellegrini
del gusto e del piacer
ritornate a Formia,
vi attende cortesia
di civiltà formiana.




PRIMAVERA SULLA PIANA PONTINA

Oh, nuvolette bianche!
In ciel sospese,
come pecore vaganti
in grande prato verde,
sospinte dal vento
maculate il cielo
e di piccole ombre
la terra si colora.
Sulla Pontina piana
tra i Lepini monti
e la marin Tirrena,
offrendo all'aria
odor di primavera
e piacevole clima,
attraggono le rondini
in coppie ben' unite
a costruire nidi
sotto le grondaie
per donare il tetto
alle novelle vite.
Ben sparsi qua e là
i mandorli fioriti
in prima stagione
che l'aria impregnano
di profumi soavi
a rinnovar la vita.







AURORA PONTINA

Aurora di giorno che sorge
al cessar della notte
dalla cima del colle
d’incanto s’erge il sole
sulla piana distesa.
Stupendo panorama
miscuglio di colori.
Dai colli fino alla marina
l’aurora si tinge d’arcobaleno:
il cielo e il mare
d’azzurro si colora,
di verde si tingono i monti,
il tutto s’incornicia in un quadro d’autore.










ARIANO IRPINO

Di verdeggianti colli
degli Irpini monti,
sul più maestoso s’erge
la città d’ARIANO,
e tutt’intorno ad essa
la valle si distende,
il verde dominante
è il color più bello.
Fresca d’estate l’aria,
non soffri la calura,
rigido è l’inverno,
il colle s’imbianca
di finissima neve
e pur la vita freme,
di gran bella gioventù
straricca è la città.
Che bello vivere qui
e di amor nutrirsi,
cogliere il bel fiore
al massimo splendore,
lo sport preferito
è il fuoco dell’amore.
Quant’è bella ’sta città!












OSTERIA DELLE MURA

D’antiche tradizioni
pietanze prelibate:
antipasto con prosciutto di Bassiano,
fagioli con la codica,
pasta fatta in casa:
tagliatelle all’uovo
condite al ragù di tracchie di maiale
con fresco pomodoro,
dei colli lepini qualità
carne d.o.c. alla brace
con patatine fritte
o verdure all’insalata
e da bere bianco o rosso
di vitigno collinare.
per finire il pasto
ancora una delizia del palato:
dolce d’occasione
e spumante di gran marca
made in Italy
tipico prodotto nazionale.
gustate un buon caffè
prima dell’amaro
offerto gratis
agli ospiti amanti di Bassiano.
A tutto questo ben di dio
aggiungete anche un buon servizio
in un locale più unico che raro
e se il pasto è stato ben gradito
ritornate qui, che anche v’attende
grande simpatia
dai buoni paesani
che traggono da voi
gioia e piacere
di vivere a Bassiano.






RIO PISCIARIELLO

Rasente il bel rio
vado controcorrente
a trovare la fonte
dove origine ha
di esso la sorgente.
Salici piangenti,
alta vegetazione
su entrambi le rive
celano il fluire
di acqua la portata
che lentamente scorre
diretta nella piana
formando in quei siti
piccole belle rade,
paradisi per rane
gracidanti in coro,
chioccolanti uccelli
che rendono le oasi
dimore ben’ambite
a rinnovar la specie.
Lungh’esso io ritorno
seguendo la corrente
mentre il pensiero va
dove il rio si placa
immesso nel bel lago
uscendone emissario
verso il mar fluisce.







SETTEMBRE A PONTINIA (LT)

Un venticello accarezza
le fronde verdi degli alberi,
mi guardo intorno stupito.
Dell’incantevole clima,
l’aria settembrina ti godi
all’ombra gentil della piana.

PONTINIA sei la gran’ DIVA,
bel centro dell’agro pontino,
dimora felice di scelta
per gente che ama la vita.
Nella scala reale tu sei,
del cuore... la MAGNA REGINA.

Giovanni Rotunno


Pontinia, 20 settembre 2010


Idea e realizzazione
Della DIVA DI PONTINIA (LT)
A cura di Elena PASCAN


















APRILIA

Aprilia! Aprilia!
Quanto sei cara ai figli tuoi
Operosa città, che sorge
Al centro fra i Lepini molti e il mare
Ti distendi in fertili pianure
Ove c’era palude malsana
Calpestata solo
Da butteri a cavallo
E da bovini
Che i nervosi campi pascolavano
Avvolti da sciami di fameliche zanzare.
Là, ora vi cresce rigogliosa vite
E la natura in abiti regali,
come giovine regina,
al visitator si offre con amore.
































LATINA

Latina fior di città,
d’origine Littoria,
sorta negli anni trenta
dopo la bonifica
dei pontini campi
sommersi da palude
mai prima prosciugata.

Al grand’onor del vero
nacque e fu gran festa,
di buon’auspicio le fu
la gioia d’esser sorta
dal grembo della terra.

Con gentil forme crebbe
intorno circondata
da fiorenti borghi,
dai Lepini Monti
fino alla marina,
or quasi inglobanti
dall’espandersi certo
ad essa tutt’intorno.

Latina prosperosa
vai su alla grande!
Sii di buona sorte
a tutti i figli tuoi,
dai ad ognun di loro
certezza del doman

BASSIANO


Sulla vetta del colle

si erge Bassiano

ammantata di verde

tra i monti Lepini.


Panorami d’incanto

s’ammirano intorno,

frescura in estate

per godersi la vita.


Che dire del prosciutto

di gola il peccato

dal sapore squisito

leccornia del palato?















DOGANELLA
(Villa Margherita)

In ninfea contrada
c’è ‘na stupenda villa
ricca di tanto verde
e d’acqua di sorgiva

E’ veramente bello
oltrepassare l’arco
per tornare al nido,
meta di grande pace,
tempio di serenità.

Dopo notte di sogni
il nuovo dì m’attende
e grande è il desio
di felici eventi.

Puro nello spirito
e forte nelle membra
guardo l’alba radiosa
che sorge dalle cime
dei verdeggianti colli
dei Lepini monti.



UN POMERIGGIO D’AGOSTO
AL MARE DI BORGO SABOTINO

La barca dondolava
dolcemente sul mare
appena increspato
dalla brezza gentile.

Sereno era il cielo
ed una linea grigia
nettamente stagliava
l’orizzonte lontano.

Sulla piccola barca
in balia delle onde
strettamente uniti
ci saziammo di baci.

Lì, soli noi due,
tu ed io amanti
nostra “LOVE STORY”
così ebbe inizio
e mai avrà fine
fin che vita resiste.



T E A N O

Cinta d’antiche mura, in vetta al colle
sorge maestosa fulgente Teano, città
che tutt’intorno nella distesa valle
dell’Annunziata erge il campanile,
austero simbolo di civiltà cristiana.
Nel cielo svettano i torrioni dei palazzi
e dal vecchio Centro s’aprono le strade:
l’Appia regine delle antiche vie;
l’autostrada Napoli – Milano:
il largo d’asfalto serpentone,
che lungo gli Appennini si disnoda;
la Casilina Capua a Roma unisce
passando per la martire Cassino.
Simil percorso fa la ferrovia,
oltre Capua tocca Santa Maria,
dopo Caserta, Maddaloni ed altri siti,
all’ultima fermata a Napoli s’ arriva.
A Teano d’inverno il clima è mite
e d’estate a sera vi soffia il ponentino;
c’è fresco durante il solleone
sotto l’ombra di verdi piante rigogliose.
L’agro è ricco d’acqua di limpide sorgive,
l’aria salubre è di fiori profumata:
suggestivi paesaggi di terrestri Paradisi.
A voi viandanti che per lo stival vagate,
fermatevi a Teano per un buon ristoro,
perché anche v’attende gentile cortesia
degli operosi attenti cittadini
e c’è dell’altro che non v’aspettate:
una cucina semplice, che altrove non trovate,
pietanze deliziose di sapori prelibati,
aromi e spezie per ogni portata,
vere leccornie, delizie del palato.
A tavola trovate il pane fatto in casa,
sapore antico, mai dimenticato
ed un boccion di vino fresco di cantina,
prodotto da vitigni in filari coltivati:
un tipico rosso Sangiovese di pregiate uve
o un rosso Falanghina dell’agro Sidicino,
che lieta faran la sosta in buona compagnia.
Certi che il ristoro sia stato ben gradito
ad un vostro ritorno qui a Teano
sarete accolti come meritate.








PRIMAVERA A TEANO

Sul tondeggiante colle
cinta da antiche mura
s’erge imponente TEANO
e giù, tutt’intorno,
nella verde valle
dell’ampio arcobaleno
c’è ricchezza di colori.
Nell’aria s’avverte
soave il profumo
di sì bella stagione.
Nel cielo assolato
svettano le rondini,
merli e passeri
con gaudio cinguettano
le note più celebri
del canto dell’amore,
mentre nel gran giardino
della gioventù fugace,
sboccia sempre un fiore
al novello sorgere
di un grande amore.
Che bello vivere qui
e dell’amor nutrirsi
nella bella etade,
cogliere il fiore
al massimo splendore.
Ciò che di tuo lasci
di ricchezza non colta,
del suo gran valore
domani nulla varrà.




S A N D O N A T O
IL MIO VILLAGGIO
SAN DONATO DI CARINOLA IL MIO LOCO NATIVO

Tanta quiete
regna a San Donato
tra i verdi prati
della lussureggiante piana.

Non c’è suono di voci,
ferma sembra la vita
nelle quattro dimore.

Una grande “Croce”
del Cristo morente
c’è nel paese
e ci sono cani randagi
in cerca di cibo
tra i rifiuti.

In questa natura morta,
con mestizia trascorri
ciò che ancora
resiste alla vita
e a cuor sereno attendi…
pazientemente… l’oblio.



GAETA

Che dire di Gaeta
del paradiso il loco
godere di quel sole
della terra il calore
e del mare la brezza,
dei scogli il profumo
e della buona cucina
i sapori del mare
che la gola s’attende
leccornie del palato.

Spaghetti alle vongole,
poi frittura mista
del golfo la pescata,
con verde insalata
al rosso pomodoro
prelibato contorno
per bocconi piccanti.
Vino bianco o rosso
per tutte le portate
da Vito “La Lampara”
di fronte al bel mare.

Poi viene da dire
del peccato di gola
è di grande goduria
la gioia del palato.


OASI dei DESIDERI A MONTICCHIO SERMONETA (LT)
Le vostre pietanze
delizie prelibate
piaceri del palato
per fini buongustai.

E' ristorante magico
che dona l'allegria
gentilezza è vanto
l' essere cordiali.

E' l'ideal ritrovo
non semplice locale
è davvero l'OASI
di desideri rari
piaceri prima mai
d'essere appagati.

Il vostro è l'impegno
di un'impari bontà
vada a voi l'omaggio
di chi v'ha conosciuto
che davvero più non può
di voi dimenticare.

L'OASI dei DESIDERI
è sì la nostra meta
ospiti ben graditi
vittoria della vita
premio più agognato.


A FRANCESCA CANNIZZARO
Che gran meraviglia
la tua bionda chioma
il viso t'adorna.

Con elegante look
impari e raro
mostri tua beltà.

A chi ti ammira
a fiore di labbra
porgi tuo sorriso.

Beato lui sarà
chi con il cuore
amor tuo conquide.













 
SERA
Le voci si perdono nell'aria
come trilli d'uccelli nel cielo
e il buio fitto della sera scende silente.....
sulla Terra cade il buio della notte.
 
A CARMELA
Oh mia cara Carmela!
Cosa tu sei per me?
Sei sogno proibito
ma io vivo per te.

Non giunge mia voce
al tuo cuore bloccato
non c'è spazio per me
al mio amore per te.

Disperato finirò
per amore negato
ma tu vita vivrai
senza amore di me.
 
GRAN DESIO
Solo un pò d'amore
null'altro io vorrei
se fosse quello vero
felice io sarei.

L'amore non ha età
se dentro amore hai
viver soli è triste
tristezza in due non c'è.

E' bene che si sappia
che chi amore cerca
null'altro deve fare
amor deve donare.
 
PIEZZ' E CORE
Pezzi di cuore sono
i figli d'ogni mamma
nel tiepido suo ventre
nove mesi vissero
e soltanto quello fu
la loro prima casa.

Guai a chi violenza
a lor vorrebbe fare
crudeli reazioni
debbono aspettarsi
diritto d'ogni madre
difendere sua prole.

 
CITTA di MERCATO SAN SEVERINO (SA)
Ricca d'antica storia
è questa bella città
centro commerciale
per antonomasia
anche oltre confine
della grande ITALIA.

D'Arte e di cultura
ne fa gran bella mostra
il Premio Nazionale
di prosa e poesia
il narrar le storie
cantano i poeti
del PREMIO PAE$STUM
chi lo vince è grande
e poeta si diploma.

PRO LOCO organizza
i corsi di ricamo
un'ARTE MANUALE
veri punti poveri
di pregiati valori
d'antiche tradizioni.
Quant'è bella 'sta CITTA'.
 
FRIGGITORIA SPACHETTERIA BLUE MARLIN di FAE' ROBERTO - VIA LUNGOMARE, 22 - CAMPOVERDE LATINA LIDO LIDO- LAINA LIDO

CROCCANTI LE BRUSCETTE
AL FRESCO POMODORO,
GRATO SOUTE' DI COZZE
ANTIPASTO DI MARE,
SPAGHETTI A VONGOLE
CON COZZE DI SCOGLIO,
PACCHERI DELIZIOSI
CON MOSCARDINI E COZZE
DELIZIE DEL PSALATO.
FRITTURA DI BACCALA
DI VENERDI' GUSTATE.
FRITTURA DI GAMBERI,
DI ALICI BELLI FRESCHI,
IL PESCE DI PARANZA
DA PESCA D'ALTO MARE.
PATATINE DORATE
SI LASCIANO GUSTARE
E SONO BEN GRADITE,
DI CULTURA LOCALE
VERDE INSALATINA.
GRIGLIATE MISTO PESCE
DI GUSTO MOLTO FINE.
VINI PER BUONGUSTAI
DI UVE COLLINARI
BEVANDE D'OGNI TIPO
E CAFFE' DI QUALITA'.
SERVIZIO ECCELLENTE
PRIVO DI LUNGHE ATTESE
VELOCE A PIE' SOSPINTO
E TANTA TANTA GRAZIA
SICURI CHE TORNATE.
 
29/08/2013
PRIMAVERA
Che bella primavera
esplosione di luci
fantastici colori
forti e delicati
fiori profumati
li vedi in ogni dove
rossi bianchi e gialli
verdi azzurri rosa
di serra le colture
o liberi nei prati
che bella mostra fanno
di grande meraviglia
c'è solo d'ammirare.
Gran lavorio di api
il nettare cercare
per produrre miele
a tutto l'alveare.
La vita si risveglia
ecco qua le rondini
tutte affaccendate
a costruire nidi
sotto le grondaie.
E' tempo dell'amore
la vita si rinnova
bellezza del creato.
by giovannipeter
 

Sito Online di Euweb